sabato 17 agosto 2019

FRANCESCO CASUSCELLI: "NOTA DI LETTURA DI I DINTORNI DELL'AMORE..."





FRANCESCO CASUSCELLI:
Nota di lettura del libro: I dintorni del l’amore, ricordando Catullo
Francesco Casuscelli,
collaboratore di Lèucade


Caro Nazario,
in queste tue pagine leggo me stesso e t'incontro in luoghi di profondo silenzio e di intenso ascolto. Quando la parola costruisce il ponte di comunicazione tra il poeta e il lettore s'innesca una vibrante emozione che si diffonde reciprocamente. Ed è un libro che parla di amore declinato in ogni sua variabile, dall'amicizia, all'amore per la sua donna, a quello familiare e all'amore verso la natura che vede il mare come fratello. Un libro di poesia accogliente dove leggere e respirare sono in sincronia, dove la parola si sbriciola in contagiosi sentori emozionali. D'altronde la poetica di Nazario nasce dal suo cuore ancora fanciullo che coglie con stupore tutto quello che la vita ha offerto e continua ad offrire. Non ci sono segni di rinuncia o di dolore ma forti energie di vita, di una voglia di vivere piena, esercitando i sensi tesi spontaneamente all'acme. Qui la parola sottrae il tempo al consumo e  dialoga con il kairos amplificando la dimensione temporale dell'altrove poetico. In questo libro "I dintorni dell'amore ricordando Catullo" edizioni Guido Miano, sono raccolte poesie d'impatto immediato. Tanti hanno espresso pareri sulla musicalità dei versi pardiniani, dello stile che accresce il piacere di entrare nello spazio tra i versi, ma qui ancora una volta c'è un concentrato vertiginoso di quanto la parola può essere modulata come strumento musicale per generare stupore. La parola che si fa poesia è un dono ed è anche ospitalità per chi la legge, ritrovandosi tra questi percorsi dell'amore, non c'è dono che non sia anzitutto un dono di reciprocità. Un viaggio nella memoria che non è affatto legata al passato, come si potrebbe credere, ma è attaccata al presente ch'essa stessa crea. Leggete e sentite questi versi, della poesia "In una immensità che ti rapina," che riporto integralmente: 

Il mare si avvicina e si allontana, 
clessidra della vita. Io sono qui, 
sulla spiaggia umidiccia del mattino. 
Seduto su un pattino, guardo il piano 
appena increspato dall'aria frizzante 
del novembre. Mi prende il largo spazio: 
sono nulla e il nulla si dilegua 
nel vento salmastro dell'immenso. 
Non odo più la bàttima né provo 
sogni e tristezze in questo diluirsi 
del cuore nel mio mare. Son fuscello 
che si annulla nell'aria mattutina 
portato sull'onda dall'ala leggera 
del novembre. Forse rincaserà 
l'anima mia in fuga negli abissi. 
Ritornerà in prigione nel suo corpo, 
riprenderà i suoi occhi per mirare 
l'immensità del mare, 
per pensare di nuovo che la vita 
è quel fuscello breve che dimena 
in un'immensà che ti rapina. 

Allora ritroviamoci in questa raccolta di poesia e lasciamoci permeare ancora da questa intensità fino a sentire tutta la leggerezza dei dintorni dell'amore. 
Francesco