martedì 6 dicembre 2022

ANITA MENEGOZZO: "RICORDO UN CESTINO DA PORTA LAVORO"

Ricordo un cestino da porta lavoro

 Si apriva in un volo al bisogno 

con ali di legno

Là dentro 
scomposti da moto perpetuo 
 bottoni  ed elastici,
e forbici e qualche rocchetto 
 Fra tutti regnava 
simbolicamente elegante  
 l' ovetto per fare rammendo 
Chinavi lo sguardo sul grembo cantando
ed io tutta intorno contenta e rapace
 covavo con gli occhi ogni gesto
Serravi le labbra sul filo  
brandivi la cruna dell' ago 
con l occhio sinistro socchiuso.
d'arciere  capace
 sui merli del nostro castello
Col tempo
quel gesto si fece più raro più lento
e poi sempre meno preciso
Ma non ne volesti sapere  di aiuto per fare più presto 
Pensavi
non fosse sportivo, 
Perché  se si cede anche solo di un punto 
si sa che ogni gioco è già bel che finito
Ricordo un cestino da portalavoro
e il secco  rumore che fece lo strappo del filo.