sabato 27 febbraio 2016

GIORGIA CATALANO DALL'ISOLA CHE NON C'E'

Avete mai viaggiato a bordo di un transatlantico come il Titanic?
Conoscete ogni particolare di "quella" vicenda? Lo sapete che nel 2018 salperà il Titanic 2, una esatta copia di quello affondato nel 1912?
Titanic - 1982. Che cosa vi suggerisce questa data?
Claudio Bossi, in studio con noi. E' uno dei maggiori storici e ricercatori contemporanei, di tutta Europa. Ci narra com'è nata la sua grande passione per questa storia umana, dove ha reperito materiale per il suo libro (v. copertina) e per il suo accuratissimo sito:www.titanicdiclaudiobossi.com Un consiglio? Visitatelo e non ve ne pentirete...
Allora, si salpa?
Vi aspettiamo, invece, a bordo del nostro galeone in partenza verso l'isola delle emozioni, giovedì 3 marzo alle ore 21.00 sempre su Radio Italia 1 (www.radioitaliauno.org). Altre emozioni, tutte per voi.... Parola dei vostri imprevedibili conduttori: Giorgia Catalano e Giorgio Milanese.
A presto!

giovedì 25 febbraio 2016

PATRIZIA STEFANELLI: "AUGURI DI COMPLEANNO"



Patrizia Stefanelli

A Nazario Pardini nel tempo di luna calante 25/02/2016


E’ febbraio. Non vedi per i campi
traccia di paesani; tutto è fermo.(
cit. da N. Pardini -  Ignoto verso il mare)

Anche il lago stamane 
più immobile appare e risuona
silenzioso di antiche  partiture. 
E’ il tempo delle sponde, misurate
in piccoli passaggi .
E’  lì che ti penso sostare
nello sguardo all’eburnea torre
di antichi desideri
quale polla del tuo universo 
di poesia.
Ancora un sasso: lancialo  per me;
l’acqua a cerchiare, a spandere in fermezza
il trascendente.
Sarò per te, un verbo solo, un arco 
miniato dalla luce
quando il mattino di musica d’anima
                                             si compone.

FRANCESCO CASUSCELLI: "AUGURI DI COMPLEANNO"




Francesco Casuscelli 



Mio carissimo Professore, amico e grande poeta,
vorrei esprimerTi i miei più affettuosi auguri di Buon compleanno,
vorrei farlo con la semplicità della poesia
quella affascinante e leggiadra fanciulla
che da strade diverse inseguiamo.
Sono certo che la tua mano ne tiene salda la sua chioma
e sa guidare con maestria
chi invece vaga incerto lungo la via.
Si approda nel quotidiano naufragar
con sorpresa e meraviglia sulla tua Lèucade,
a respirare l'estasi dei versi,
che le tue profonde orme tracciano sulla sabbia.
Bastano le tue poesie a generare
il moto d'affetto che Ti rivolgo
poiché in esse leggo e intravedo
la grandezza dell'anima che vaga nuda
nella sua pura bellezza.
Affido alle parole la musica del mio augurio
sapendo quanto ti è gradevole l'amabile
suono dei ruscelli e della campagna
che i tuoi passi siano felpati 
e trovino piacere su un morbido prato fiorito.



mercoledì 24 febbraio 2016

ESTER CECERE: "CON L'INDIA NEGLI OCCHI... E PRESENTAZIONE DI FRAGILE..."

https://www.youtube.com/watch?v=5iejCcH_VhM


http://estercecere.weebly.com/con-lindia-negli-occhi-con-lindia-nel-cuore.html

A PIADENA (CR) "POESIA A STRAPPO"


Domenica 17 Aprile a Piadena (CR) nel Portico di Via Libertà dalle 10 alle 19 il Circolo Poetico Correnti con la Biblioteca Comunale Unione dei Comuni di Piadena e Drizzona organizza una edizione di Poesia A Strappo intitolata Libertà

I poeti che intendono partecipare possono inviare un massimo di 3 testi in formato A4 fotocopiato ciascuno in 30 copie entro Lunedì 11 Aprile al seguente indirizzo civico:

Alberto Mori Via L. Cadorna 11 26013 Crema (CR) La partecipazione è libera. Il tema è libero.

Si accettano anche poesie ispirate al tema del titolo.

Nella stampa dei testi da inviare lasciare 3 cm. liberi sul bordo in alto del formato A4 per l’assemblaggio tipografico delle poesie ricevute.

Si consiglia la firma delle delle poesie e l’eventuale inserimento dei dati personali per offrire l’identità autoriale al lettore.

Vengono parimenti accettati ed esposti anche componimenti anonimi:

In tal caso, gli organizzatori, esercitano la propria discrezionalità verso scritture ritenute offensive e di volgarità gratuita. Non si accetta l’invio web delle poesie in files testo.

Durante la giornata espositiva sono previsti reading dei poeti ed interventi musicali.

La manifestazione è prevista nell’ambito di una rassegna intitolata Strappi Poetici che prevede Venerdì 15 Aprile alle 21:00 nella biblioteca Comunale di Piadena in Via Platina 40

un reading di poeti piadenesi.

Info: Circolo Poetico Correnti Alberto Mori Cell: 3394439848 Studio:0373 86560.

E mail albmor3@tin.it Condivisione Facebook Twitter Google +

martedì 23 febbraio 2016

VITTORIO SERENI: "CITTA' DI NOTTE"


Città di notte

 

Inquieto nella tradotta
che ti sfiora così lentamente
mi tendo alle tue luci sinistre
nel sospiro degli alberi.

Mentre tu dormi e forse
qualcuno muore nelle alte stanze
e tu giri via con un volto
dietro ogni finestra - tu stessa
un volto, un volto solo
che per sempre si chiude.

PRESENTAZIONE DI "IL TRE PERIODICO" DI G. DONZELLO




Comune di Pisa Anno 2016 Incontri a cura di Valeria Serofilli Venerdì 26 Febbraio – ore 18:00
Caffè dell’Ussero di Pisa
Palazzo Agostini – Lung.no Pacinotti 27 56126 Pisa
Valeria Serofilli incontra l’autrice Giuliana Donzello

con particolare riferimento al volume Il tre periodico

(Aletti Editore, Guidonia 2015)

Letture a cura di Rodolfo Baglioni
La S.V. è gentilmente invitata



 Giuliana Donzello nasce a il 25 aprile 1949 a Venezia, dove si laurea in Lettere ad indirizzo artistico. Da subito affianca l’attività di docente a quella di ricercatrice, collaborando con il Dipartimento di Storia e Critica delle Arti Contemporanee dell’università di Venezia e il Settore Arti Visive della Biennale.

Tra le sue pubblicazioni più importanti vanno citate: Arte e Collezionismo. Fradeletto e Pica primi segretari alle Biennali veneziane 1895-1926, Editrice Firenze Libri, 1987; Un ragazzo zingaro nella mia classe, Editrice Anicia, Roma, 1998; Il vento di Tampere, Editrice Anicia, Roma, 2007, Il serbatorio dei sentimenti Editrice Progetto cultura 2003, Roma 2010; La stagione delle cicale, Seneca di Torino, 2012; II^ Edizione Aletti Editore, Guidonia (RM) 2013; Fiori di sale, BookSprint Edizioni, Bucino (SA), 2013.

Calendario dell’Ussero: Prossimi Incontri

11 Marzo 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Valeria Serofilli incontra la scrittrice Vivetta Valacca.

22 Aprile 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Valeria Serofilli presenta il volume Anima semiseria – Racconti, Ed. B ip & Bop, 2015) di Alessandro Da Soller.

29 Aprile 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Incontro con lo scrittore Evaristo Seghetta e presentazione del volume Inquietudine da perfezione (Passigli Editori 2015).

13 Maggio 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Valeria Serofilli presenta il volume Come fosse giovedì (puntoacapo Edizioni 2015) di Michele Paoletti.

26 Maggio 2016 – ore 18:00 – Salone delle feste di Villa di Corliano. Vernissage del Maestro Giancarlo Ferruggia con testi di Valeria Serofilli.

3 Giugno 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Valeria Serofilli incontra lo scrittore Achille Concerto con particolare riferimento al volume La tela e il trono (Leonida Edizioni 2015).

30 Settembre 2016 – ore 18:00 – Caffè dell’Ussero di Pisa. Valeria Serofilli incontra lo scrittore Roberto Patruno con particolare riferimento al volume Quartetto d’archi Graus Editore 2015

 



sabato 20 febbraio 2016

N. PARDINI: LETTURA DI "BIRKENAU" DI G. CECCAROSSI


 
 
Giannicola Ceccarossi: BIRKENAU. Ibiskos Ulivieri. Empoli. 2016. Pg. 56. Euro 12,00

  

Non ci sono uccelli

Non stridi

Non canti

Lontani dalla morte

 

Vi è qui tutta la desolazione che esprime un deserto di morte e di solitudine. Vi è l’energia di un lessico che cerca con tutta la sua forza di aggrapparsi ai subbugli di un’anima. E vi è una natura secca, senza suoni, senza voli, senza presenze: tutto sta lontano da una terra memore di eccidi. Questa plaquette di Ceccarossi segna un passo in progress. Una stesura diversa da quelle a cui ci ha abituati.     
Sì, linguaggio nuovo, più stretto, affollato, conciso, verticale; le parole si susseguono con grande spessore etimo-visivo; gli elementi naturali con la loro asciuttezza contribuiscono a dare forza iconica al linguismo. Un gioco sottile e drammatico di verbi che si rovesciano sul foglio gorgogliando come fiotti di acqua da una fiasca rovesciata. Tanti sono gli etimi che vogliono uscire; tante le passioni che si vogliono concedere ad un a visività fatta di corpi straziati, di mondi solitari, di forze maligne, di dolori indicibili, di memorie infangate dalla malvagità umana. Campi di concentramento nazisti; Dacia, Bergen-Belsen, Auschwitz; e Birkenau che dà il titolo all’opera. Il poeta nella sua esplosione epigrammatica si fa lago che riflette immagini segmentate, frastagliate per l’ondulare delle  acque; nuove, allungate, ingrossate, svisate da una forzatura di naturale empito. Questa plaquette ci dà la netta visione della potenza creativo-verbale su cui l’Autore gioca. Una parola attenta, costruita con inventiva, con energica intuizione, con iuncturae metaforico-allusive, associative; con abbrivi che toccano punte di alta drammaticità:

E’ grano maturo il cielo

Cielo perduto

Quanti?

Quanti?

Qui l’inferno

Si estingue un debito

Un tributo

E’ inutile prolungare versi in espansioni narratologiche. Il lettore deve restare colpito da un dettato breve e conciso; da saette che arrivino con forza devastante al cuore, alla mente e all’anima:

 
Campi, campi   

Senza fiori senza fiori

Ciminiere

Betulle betulle

 E rotaie

Consumate

E’ fumo il tempo

Madri figli padri

 
Tutto è indirizzato allo scopo; ogni singolo termine è tanto robusto da essere di per sé sufficiente al verso: reiterazioni verbali e sonore per captare l’attenzione; per convogliare la lettura verso l’essenziale: tutto è brullo, non ci sono fiori, solo betulle che con le loro enormi chiome toccano il cielo (forse per chiedere perdono); natura e umanità si embricano fra loro in una sintesi dai colori grigio-scuri;  rotaie consumate quanto l’animo umano; il tempo è fumo che vola ma che non potrà mai cancellare la memoria di tale brutalità; un fumo agro, forse, dall’odore di carne umana; un fumo di carni cremate che si alza verso le  nubi; verso una redenzione e una spiritualità che condanna e rifiuta la terra.
Infinite le occasioni di accorpamento fra dire e sentire: un elenco terminologico senza riposo dove risulta persino inutile la punteggiatura nella foga di dar corpo ad un dettato di forte entità ontologica. E qui studiare il verbo, destrutturalo, scomporlo, frazionarlo per ricomporlo in tutta la sua forza evocatrice significa andare a fondo al significato e al significante di questa sinestesia poetico-filologica; di questa operazione poematica che si conclude con un grido violento in un silenzio di luci spente:
 

Un grido

Violento

Prolungato

Poi

la luce

spenta

Per sempre

Per sempre

Nazario Pardini        

JODY ZULIANI "INEDITI"


Stesa dinanzi al tremante caminetto,
viso invaso da pallido pallore
e l'ansante ansia mia sul tuo petto

dolce ansima veloce il mio cuore
danzanti fiamme creano le ombre
come il vento muove il fiore

hai gli occhi miei stesi sul tuo cuore
come metamorfosi di fiamma ardente
ardi tutta, pallida,fremente; è afrore

acre penetrante di arsa cenere
si riempie e veste con un crepitio
l'aria attorno; come di Venere

ondeggiano i tuoi cenerei capelli
alla musica lieve dell' onda sparsa
di calore e avvampan pensièr ribelli.

E come ninfea sull' acqua del mio stagno
t'ho dipinta con le tinte del Monet più caro;
giacente sulle acque che tingono d' olivagno.

Dicerolti molto bene che t'ho amata
dicerloti dolcemente che t'ho adorata
dicerloti lieve che non t'ho mai lasciata.

JODY ZULIANI

 

Perlea e misteriosa notte
Vaniglia di bianco gelso
Stilla il suo odor perverso
la foglia sussurrante

Fragranze di una notte,
Rimembranze soavi
Che maggio rimembravi!
La vita ha odor forte!

Soave il verde ciuffetto
appeso e ninfea è la sera
Su rocce dolce è l'edera,
Tesse trame sul muretto

E Tu vesti roseo incerto
pallido viso di sfera
Della luna che annera
Lo bel morente giorno.

Mentre lattea luce fa sì
grigie e gialle le rocce
Che tacciono a voce
Il nostro amaro amarsi

JODY ZULIANI

CLAUDIO VICARIO "INEDITI"


 

Claudio Vicario collaboratore di Lèucade

 

La mia tristezza


 

Ho annegato nell’amore

la mia tristezza,

ne ho frantumato il guscio

e sempre una nuova pena

mi ha privato della libertà,

mi ha imprigionato

in nuove sofferenze,

mi ha reso schiavo

degli ultimi raggi di luce

oscurati da ombre

che vengono da lontano

e si levano fino al cielo

per ripiombare su sentieri

che sfumano nella memoria,

indefiniti, silenziosi, statici,

in questa età melanconica.

L’anima è nuda di fronte

ad un incerto futuro

come lacrime di pioggia

nel silenzio della sera

ed ha paura di ogni verità

nascosta nei segreti del cuore.

 

 

Calano le ombre

 

Lo sguardo indugia, calano le ombre,

il cielo si spegne, un ricordo si perde

e svanisce portato via dal vento.

Abbiamo percorso sentieri intricati,

vissuto giorni deludenti, lottato,

abbiamo combattuto troppo spesso

senza essere vincitori… mai vinti.

Ci siamo lavati nel fiume della vita

nella speranza di creare una nuova terra,

pregato nell’attesa di un gesto semplice,

di spazi sereni tra nuvole sparse,

cercato leali compagni di viaggio,

un rifugio dal mondo per sfuggire

ai grandi inganni, al buio che ristagna

negli arresi silenzi dei pascoli eterni,

per spezzare le ali alla malinconia.

DANIELA QUIETI SU "IL SENTIERO DEL MARE" DI MARIA RIZZI


Daiela Quieti


Maria Rizzi collaboratrice di Lèucade




È uscito in libreria il coinvolgente thriller “Il sentiero del mare” di Maria Rizzi, edito per i tipi della Pegasus Edition 2016 nella collana Blacknight, diretta dallo stesso editore, lo scrittore e saggista Roberto Sarra. La scena delineata nel romanzo è quella di un’avvincente indagine poliziesca, la cui tensione narrativa si dipana in un’abile trama, articolata e ricca di suspense, tuttavia evocativa di molteplici valutazioni sugli effetti corrosivi e criminogeni di una visione utilitaristica e priva di valori etici dell'esistenza. Elementi, questi ultimi, riverberati anche dalla citazione posta in esergo tratta da Jean Jacques Rousseau, il quale segnò profondamente l’analisi sociale, morale, politica, psicologica e pedagogica del suo tempo e di quello successivo.
Nell’opera torna la saga dell’Ispettore Segni, già conosciuto nel precedente giallo-sociologico di successo dell’Autrice “Anime Graffiate”, con due nuovi protagonisti: il Commissario Severi e il medico legale Luisa Martelli. Delitti e avvenenti personaggi femminili si alternano nel denso impatto logico-emotivo di un dilemma spinoso, nel quale ogni verità sembra ineluttabilmente infrangersi contro una rappresentazione disincantata dell’esistenza. L’esito finale porterà alla constatazione che quanto più si crede di capire la realtà e se stessi, tanto più sarà alto il prezzo da pagare in termini di delusione, emozione e sentimento. Nonostante le ferite del passato e le insidie del presente, la capacità umana di perseverare nel divario tra dovere e desiderio restituisce all’uomo l’identità perduta, nel nome di un sentiero il cui mare rimanda all’origine della vita e ai misteri della sua profondità.
Maria Rizzi, nata a Bologna, vive a Roma. Laureata in Sociologia presso l’Università di Napoli, ha pubblicato i libri di poesia: “Il coraggio di scegliere le ali” (Edizioni del Leone, 1991); “I cancelli del vento” (Firenze Libri, 1995); “Siamo nuvole” (Club degli Autori di Melegnano, 1997); “Aironi nel vento” 2001 e “Ombre di sogni” 2002, entrambi per la Casa Editrice Menna quali conseguimento di primi premi. Nel 2003 inizia a cimentarsi in prosa e ottiene immediati riscontri in premi letterari. Oltre all’aver scritto numerosi racconti, ha dato alle stampe: “Anime Graffiate” (Corpo 12, 2012, vincitore del Premio “Garfagnana in giallo) e “Storie di donne nella storia”, con Vittorio Verducci (Arduino Sacco Editore, 2012). È co-fondatrice, insieme al padre Nicola, del Circolo I.P.la.C. (Insieme per la Cultura). Si dedica ad attività di critica letteraria (con monografie, prefazioni e recensioni), organizzazione di eventi e presentazioni di libri.

Daniela Quieti

 

venerdì 19 febbraio 2016

PAOLO BASSANI "LA PITTURA DI GIUSEPPE ARIGLIANO"



Paolo Bassani collaboratore di Lèucade



Ieri ho incontrato un vecchio amico che non vedevo da molto tempo. "Ho visto una tua poesia esposta a Genova alla mostra del pittore Giuseppe Arigliano" - mi ha detto, aggiungendo con entusiasmo - "ora, anch'io ho una sua bellissima opera". Confesso che questa testimonianza mi ha fatto molto piacere. Anche per questo, tornato a casa, ho sentito il desiderio di risfogliare il libro "Giuseppe Arigliano -cinquant'anni di pittura" che custodisco religiosamente nella mia biblioteca. Immediatamente m'è venuta anche l'idea di dedicare all'opera di Arigliano un ricordo du "Alla volta di Leucade" (allego gli elementi). 
 
Paolo Bassani

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CAMERATA DEI POETI: "APPUNTAMENTI"




                       
Carmelo Consoli collaboratore di Lèucade
Presidente della Camerata dei Poeti






La Camerata dei Poeti – VI^ Tornata dell’ 86° anno
Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze – Via Folco Portinari, 5 – Firenze
Il Presidente della Camerata Carmelo Consoli invita la S.V.
Mercoledì 24 febbraio 2016 alle ore 16
alla presentazione del libro di poesie
“Le trentatré versioni di un'ape di mezzanotte”
di Davide Rocco Colacrai
Intervengono Carmelo Consoli, Simonetta Lazzerini Di Florio
Letture a cura di Andrea Pericoli
“Sororità fra le Arti” a cura di Silvia Ranzi
alla chitarra Roberto Soldi
Opere in esposizione del fotografo Mirko Bassi
Per “Valore Cultura” riprese video a cura di Overthesky.it
www.lacameratadeipoeti.weebly.com

CLAUDIO FIORENTINI: "INEDITO"

Claudio Fiorentini collaboratore di Lèucade



Non appartengo a quella schiera d’individui
che dormono la notte e lavorano il giorno
non appartengo a chi dice “sì”
senza condizioni
non sono come quelli che parlando
si riconoscono nelle parole vuote
io sono altro
un fiume in piena
un torrente turbolento
un grido di rocce possenti
un bosco fitto
e senza cedimenti mi do alla vita
perché so che dopo il buio c’è la luce.
Per questo voglio viverlo, il buio,
fino in fondo
ribellandomi, opponendomi, gridando e lottando
fino al giorno in cui
stanco di esistere
sarò il fango con cui sono stato plasmato
la saliva con cui sono stato modellato
e il soffio che ancora non ho respirato.

Claudio Fiorentini
17 febbraio 2016

PREMIO LETTERARIO INTERN. "VIVA GLI ANZIANI"

La Comunità di Sant’Egidio
e il Circolo I. P. LA C. (Insieme Per LA Cultura)

organizzano il

Premio Letterario Internazionale
“VIVA GLI ANZIANI!” II Edizione 2015

Scadenza: 15 marzo 2016


OGGETTO

La Comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con il Circolo IPLAC, dopo il successo ottenuto lo scorso anno, è lieta di presentare la seconda edizione del Premio Letterario “Viva gli Anziani!”.
Anche quest’anno il Premio ha lo scopo di promuovere il valore e la cultura degli anziani e dell’incontro fra generazioni nella nostra società. Diffondere una nuova sensibilità che contrasti la cultura dello scarto, l’isolamento e l’istituzionalizzazione degli anziani.

REGOLAMENTO

Art. 1.
La partecipazione è aperta a tutti i poeti e gli scrittori di qualsiasi età e nazionalità.
È accettata l’adesione da parte di minori purché condivisa e firmata da chi esercita la patria potestà.
I testi delle opere devono essere redatti in lingua italiana o nei vari dialetti italiani.
Art. 2.
Il Premio è suddiviso nelle sezioni:
A: Poesia edita o inedita in italiano sul tema in oggetto.
B: Poesia edita o inedita in dialetto sul tema in oggetto.
C: Racconto breve edito o inedito sul tema in oggetto.
D: lavoro individuale e/o collettivo scolastico sul tema in oggetto.
E:. Sezione Internazionale.
Art. 3.
Le poesie, i racconti o i componimenti a tema possono essere editi o inediti e già premiati in altri concorsi.
·                Sez. A e B
Inviare da una a tre poesie, di lunghezza non superiore ai 40 versi, carattere Arial o Times New Roman, corpo 12, stampate in 2 copie totali non spillate, più una versione in formato .doc all’indirizzo diegoromeo76@gmail.com (facoltativa) di cui 1 anonima e senza segni di distinzione e 1 con i propri dati personali; per la sez. B aggiungere la traduzione in italiano precisando la collocazione geografica del dialetto.
·                Sez. C
Inviare un racconto oppure un componimento -saggio, memoria, monografia, carattere Arial o Times New Roman, corpo 12, di lunghezza non superiore a 8 cartelle di 30 righe per foglio A4, interlinea singola.
Il racconto dovrà essere redatto in 2 copie totali, più una versione in formato .doc all’indirizzo diegoromeo76@gmail.com (facoltativa), di cui 1 anonima senza segni di distinzione o copertina e 1 coi propri dati personali. È possibile inviare una seconda opera pagando due quote d’iscrizione.
·                Sez. D
Potranno partecipare (ad una delle sezioni precedenti) i singoli allievi degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, oppure le singole classi a titolo collettivo di qualsiasi istituto scolastico.
Le opere verranno valutate distintamente a seconda che siano state presentate da allievi o Scuole primarie e medie.
·                Sez. E
Potranno partecipare (ad una delle sezioni precedenti) anche autori esteri, che dovranno rispettare quanto detto per le sezioni precedenti. Tuttavia è fatto obbligo per gli autori esteri di presentare, unitamente alla loro opera in lingua, una traduzione in italiana della stessa. Resta a carico dell’autore l’esatta corrispondenza fra l’opera originaria e la sua traduzione in lingua italiana.
Art. 4.
Per tutte le sezioni. Allegare i propri dati tramite:
-       la scheda di iscrizione, da allegare al plico postale contenente i testi, che si potrà scaricare dal sito: www.vivaglianziani.it o dal sito www.circoloiplac.com;
-       oppure un foglio contenente i dati anagrafici, indirizzo, n° di telefono, eventuale e-mail, titoli dei componimenti con indicazione della sezione a cui partecipano, insieme alle dichiarazioni:
I testi sono originali e di mia personale produzione. Partecipando al Premio accetto tutte le clausole del Regolamento del Bando.e alla firma dell'autore.
Si declina ogni responsabilità in caso di plagio o falso da parte dei partecipanti, ricordando comunque che tale illecito è perseguibile a norma di legge.
Art. 5.
Con la partecipazione al Premio si autorizza eventualmente l’organizzazione a pubblicare, senza alcuna spesa da parte del concorrente, la/le opere presentata/e tramite una casa editrice che verrà indicata in seguito. Pertanto ai fini della pubblicazione il concorrente si impegnerà ad inviare, su richiesta della segreteria, la propria opera in formato .doc, al seguente indirizzo: diegoromeo76@gmail.com.
Inoltre si acconsente che le royalty, derivanti dalla vendita della predetta pubblicazione, siano devolute alla Comunità di Sant’Egidio al fine di promuovere attività di volontariato finalizzate all’assistenza degli anziani.
Art. 6.
La quota di partecipazione è di 15 € per ogni sezione. Per i minori, per le classi degli istituti scolastici e per gli over 70 la quota è gratuita.
Sez. C - E: l'invio di un secondo componimento comporta il raddoppio della quota.
Le quote di partecipazione possono essere inviate tramite:
-       in contanti insieme al plico, in questo caso la responsabilità dell’invio è a carico del mittente;
-       bonifico tramite banco posta a favore della Comunità di Sant’Egidio IBAN: IT21O0760103200000051509008 causale “contributo concorso letterario Viva Gli Anziani”;
Art. 7.
All’interno del plico contenente gli elaborati da inviare tramite posta inserire:
-       le copie degli elaborati partecipanti e/o le copie dei libri;
-       le quote di partecipazione o copia della ricevuta di avvenuto versamento;
-       la scheda di adesione al concorso compilata in ogni parte, oppure una pagina coi dati richiesti all'art. 4;
-       All'esterno del plico indicare le sezioni a cui si partecipa.
Art. 8.
Il plico dovrà essere inviato a:
Programma Viva gli Anziani, Via San Gallicano, 25 Roma - 00153 Roma.
Il plico dovrà avere la seguente dicitura “II Premio Letterario Internazionale “viva gli Anziani!”
La scadenza per l’invio degli elaborati è fissata per il 15 marzo 2016 (data del timbro postale).
Art. 9.
Premi - Ai primi quattro classificati delle sezioni A. B. C. D. E. verranno assegnati targhe, medaglie e diplomi di merito.
Ai primi tre classificati della sezione D verrà consegnata una targa personalizzata con il nome dell’istituto da apporre nei propri locali oppure targhe e diplomi ai singoli allievi che avranno partecipato.
Tutti i finalisti riceveranno una Pergamena personalizzata attestante il premio ricevuto.
Il 1° - 2° - 3° - 4° classificato di ogni singola sezione e le opere meritevoli di pubblicazione riceveranno anche la Motivazione della Giuria.
Infine tutte le suddette opere meritevoli di pubblicazione verranno pubblicate nell’antologia del primo premio letterario “viva gli Anziani!”, edita gratuitamente.
La lista completa dei premi di ogni livello offerti dagli Sponsor verrà aggiornata sul sito: www.vivaglianziani.it e sul sito www.circoloiplac.com.
Art. 10.
Il giudizio della Giuria non può essere contestato in alcun modo ed è pertanto insindacabile e inappellabile. II Verbale della Giuria, presieduta dal Presidente Michelangelo Bartolo, con la composizione della stessa e la classifica dei vincitori, sarà pubblicato almeno tre settimane prima della premiazione nel sito: www.vivaglianziani.it e sul sito www.circoloiplac.com e inviato tramite e-mail ai partecipanti (e per posta a chi inserirà nel plico la busta preaffrancata e pre-indirizzata). Verranno avvisati telefonicamente solo i concorrenti premiati.
Art. 11.
La Cerimonia di Premiazione si svolgerà nel mese di giugno; il luogo, la data e l’orario dell’evento saranno pubblicati per tempo sui siti: www.vivaglianziani.it e sul sito www.circoloiplac.com.
Si raccomanda sin d’ora la presenza dei vincitori del 1°, 2°, 3° e 4° premio di ogni singola sezione.
Art. 12.
La partecipazione al Premio implica l’incondizionata accettazione di tutte le clausole del presente Regolamento con la tacita autorizzazione alla divulgazione del proprio nominativo, del premio conseguito e del testo vincitore (se non ne sono già stati ceduti i diritti) su quotidiani, riviste culturali e il sito web: http://www.vivaglianziani.it/ e sul sito http://www.circoloiplac.com/
Con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali si garantisce che questi saranno utilizzati esclusivamente ai fini del concorso e nell’ambito delle iniziative culturali per la legge 675 del 31/12/96 e D.L. 196/03. Le opere non saranno restituite.
A insindacabile giudizio degli organizzatori, in base a eventuali necessità e/o a causa di forza maggiore le norme e i contenuti del presente regolamento potranno subire variazioni.
Art 13.
Ulteriori informazioni e aggiornamenti possono essere reperiti sul sito: Viva gli Anziani www.vivaglianziani.it e/o sul sito del Circolo IPLAC: www.circoloiplac.com e nella pagina-evento di Facebook dedicata al Premio o si possono chiedere a:
-       Diego Romeo: cell: +393483041161 e-mail: diegoromeo76@gmail.com.
-       Maria Rizzi: cell. +393475789139 e-mail:  maria.rizzi@fastwebnet.it.
Iscrizione al Premio Letterario Internazionale
“Viva gli anziani” II ed. 2015

Cognome: _______________________________________________________________________
Nome: __________________________________________________________________________
Data di nascita: ___________________________________ luogo: __________________________
Via/Piazza: ___________________________________________________________________
C.A.P.: ____________ Località: ____________________________________________ Prov.: ____
Tel.: __________________________________ Cell.: ____________________________________
Mail: ___________________________________________________________________________
Quota/e di iscrizione: ____________                     [  ] Minorenne (anno di nascita):  _____________
Sezioni a cui si concorre con indicazione delle relative Opere: 
[  ] A: Poesia in italiano. Titoli: ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
[  ] B: Poesia in dialetto. Titoli: ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
[  ] C: Racconto/componimento Titolo/i: ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
[  ] D: Opera singola o collettiva delle singole classi degli istituti scolastici. Titolo/i: ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
[  ] E: Sezione internazionale: ________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________

DICHIARO
Che partecipando alla Seconda edizione del Premio letterario internazionale “Viva Gli Anziani” accetto tutte le clausole del Regolamento riportate nel Bando di gara.
DICHIARO
Che le opere con cui concorro sono frutto del mio ingegno, nonché di essere proprietario unico dei diritti di sfruttamento economico dell’opera stessa. Con la sottoscrizione del presente modulo acconsento in fine al trattamento dei miei dati personali, ai sensi del decreto legislativo n. 196 del 2003.
AUTORIZZO
L’organizzazione a pubblicare, senza alcuna spesa da parte del concorrente, la/le opere presentata/e tramite una casa editrice che verrà indicata in seguito. Pertanto ai fini della pubblicazione il concorrente si impegnerà ad inviare, su richiesta della segreteria, la propria opera in formato doc, al seguente indirizzo: diegoromeo76@gmail.com.
ACCONSENTO
che le royalty derivanti dalla vendita della predetta antologia, siano devolute alla Comunità di Sant’Egidio al fine di promuovere attività di volontariato finalizzate all’assistenza degli anziani.
Modalità prescelta per il pagamento della quota di partecipazione:
[  ] Bonifico intestato alla Comunità di Sant’Egidio; indicare: nome e cognome, Iscrizione Premio “Viva gli Anziani”. IBAN: IT21O0760103200000051509008.  [  ] Allego ricevuta.  [  ] Invio ricevuta per mail.
[  ] Versamento in contanti direttamente al Presidente, alla Segretaria o ai Consiglieri disponibili in occasione degli Eventi organizzati dalla Comunità di Sant’Egidio: (Nome) ____________________
[  ] Spedizione in contanti insieme al plico, ma non si risponde di eventuali smarrimenti da parte delle Poste Italiane o di Corrieri.


Data: _______________________  Firma: __________________________________________