mercoledì 26 giugno 2013

PAOLA FERRARI: TRE POESIE

                                                     http://vimeo.com/aminamundi

                                                       E DOPO IL TEMPORALE.

                                                                        Il cielo
                                                          è rotto da lampi  e tuoni
                                                                 schegge di luce
                                                         illuminano cumuli di nubi
                                                                le gocce sui tetti
                                                          cadono sempre più fitte
                                                              scandendo i minuti.

                                                               I tuoni borbottano
                                                                         urlano
                                                            si frantumano sui tetti.
                                                              Fra bisbigli di paura
                                                         il ricordo infantile di teste
                                                                  sotto le coperte
                                                    giorni di meravigliosa innocenza
                                                             così lontani nel tempo.
                                             
                                                               L’inizio del giorno
                                                           è un miracolo di pioggia
                                                                     la terra canta
                                                                dopo  tanta arsura.

                                                          I profumi della primavera
                                                          si rincorrono fra le  gocce
                                                          gli alberi brindano al cielo
                                                                i passeri gioiscono
                                                              fanno il bagno felici
                                                                  sotto la pioggia.

                                                                          Il vento
                                                     costringe le foglie accartocciate
                                                             in una morbida danza.

                                                                E dopo i temporale
                                                               un pezzo di paradiso
                                                              si adagia fra gli  alberi
                                                        l’atmosfera si riempie di luce
                                                              morbidezza e profumo
                                                 pozzanghere riflettono un cielo azzurro
                                                                   lavato a  nuovo
                                                                          pronto
                                                           per l’incanto del tramonto.                             






                                       QUANDO CONOSCERO’ IL MISTERO IMMENSO.




                                                                   Quante volte
                                                             ho affrettato il passo
                                                        lungo questo marciapiede.

                                                              Sapevo che eri  lì
                                                                  ad aspettarmi
                                               appoggiato alla ringhiera del balcone.

                                                        Passa il tempo sui ricordi
                                                                 senza sbiadirli
                                                               frammenti di vita
                                                     respiro della nostra esistenza.

                                                 Il calore della tua mano sulla nuca 
                                                   il tuo braccio intorno alle spalle
                                                   il sapore dolce di semplici gesti
                                             che mancano al cuore sino a soffocarlo
                                                  e traboccano l’anima di nostalgia.

                                                      Cammino sulle ali del tempo
                                               fra le dolcezze di quelle piccole cose
                                            che non saranno mai perdute per sempre.

                                              Quando conoscerò il mistero immenso 
                                                          del cielo dove ora vivi
                                                                      sarai lì
                                                                ad aspettarmi
                                                 affacciato a un orizzonte senza fine
                                                            avvolto in quella luce
                                                        che tutto investe e penetra.

                                                        Affretterò ancora il passo
                                                come il sabato all’uscita da scuola
                                                  la mia mano scivolerà nella tua
                                             la  tua stretta forte svanirà ogni timore
                                                     e il cuore troverà la sua pace.  


                                           A mio padre       22/08/2009 – 22/08/2012



                                                         


                                                 SULLA RIVA DEL MARE.


                                                 Sulla riva del mare si fa sera
                                        nuvole rosa incorniciano le prime stelle
                                                     brillano di luce  chiara.

                                                             Tutto è bello
                                                        infinitamente bello.
                                                    Il sospiro lieve del vento
                                                                 sussurra
                                           che c’è qualcosa di più intorno a me
                                                            d’impalpabile
                                                              d’invisibile
                                              oltre questo momento incantato
                                               oltre i confini dell’impossibile.

                                            C’è un silenzio carico d’emozione                                  
                                        ascolto la melodia del creato.                                    
     Si schiudono gli occhi dell’anima
                                            nel giardino segreto del mio cuore
                                                 sento i palpiti dell’eternità
                                                    la brezza mi accarezza 
                                                      e odo la voce di Dio.  

                                   Dio è  come un aquilone volato troppo in alto
                                          nascosto fra le nuvole rosa della sera
                                                 molti non riescono a vederlo
                                                              ma Lui c’è
                                            lo puoi sentire dagli strappi del filo.

                                                   La fede è quel filo sottile
                                                 sospeso fra la terra e il cielo
                                                     che si srotola dal cuore.        


                                                         1° posto assoluto  
                     Premio Letterario Internazionale “TROFEO PENNA D’AUTORE”
                                                          Paola FERRARI    



                                             













CURRICULUM

Mi chiamo Paola Ferrari e sono nata a Savona il 27 giugno 1967 dove risiedo, nel Comune di Quiliano in Via Bellotto n. 1/12 (CAP 17047 CELL.3405565325). Diplomata Perito Chimico Industriale, ho lavorato per vent’anni come impiegata. Dal 2006 sono collaboratrice scolastica. Da sempre ho tenuto rinchiusa la scintilla della poesia, conservandola come una medicina per l'anima. Ho iniziato a scrivere in occasione della morte di mio cugino al quale ero molto legata. Desidero ringraziare la maestra Emma Caviglia la quale, durante questo evento tanto tragico, mi incitò a partecipare al primo concorso di poesia. Dal 2011 sono volontaria presso la mensa della Caritas Diocesana di Savona e sempre da maggio di quell’anno faccio parte del Coro Polifonico di Valleggia dove canto come soprano. Premiata in numerosi concorsi di arte e cultura sono Membro del Centro Culturale & Laboratorio di Arte e Cultura “Nuovo Arcobaleno”. Le mie opere sono ospitate in numerose antologie letterarie: Dedicato a . . . Poesie per ricordare (Aletti Editore); Poesie del Nuovo Millennio (Aletti Editore); Donna sopra le righe 2011 Biblos Edizioni Argonautiche; Donna sopra le righe 2012 Biblos Edizioni Argonautiche;  Poesia raccolta antologica “Premio Enrico Bonino” collana “Parole e immagini in libertà”; Antologia “Suor Margherita Fenoglio” sesta edizione 2013. Ho partecipato a diversi concorsi letterari ottenendo buoni esiti tra cui: Secondo Premio e Finalista nel Premio Nazionale “Valeria 2011”; menzione d’onore nel Concorso Internazionale “Enrico Bonino 2012”; Premio Speciale della Giuria e Menzione di Merito nel Concorso Internazionale di Poesia e Fotografia “Nestore” - evento che ha ottenuto gli Auspici del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano; Menzione d’onore nel Premio biennale letterario nazionale di poesia e narrativa “Comune di Rivanazzano Terme” unidicesima edizione – anno 2012; Menzione d’onore nel Concorso letterario internazionale pennacalamaio@zacem.it dell’Associazione Culturale Savonese “Zacem”2012; Primo posto assoluto nella XIX edizione del Premio Letterario Internazionale “Trofeo Penna d’Autore” per la sezione poesia religiosa con la pubblicazione di 100 volumi della mia prima raccolta personale di  poesie dal titolo “Sulla riva dei miei pensieri”; Secondo posto nel Concorso Nazionale di Poesia Religiosa “Suor Margherita Fenoglio” dell’Associazione CVS Savona O.N.L.U.S.





1 commento:

  1. Delicatissima poesia che accompagna il lettore lungo la via del cuore. Brava e complimenti per il prestigioso premio. Cordialita'
    Miriam Binda




    RispondiElimina