martedì 13 giugno 2017

N. PARDINI: LETTURA DI "INEDITI" DI LINO D'AMICO


Lino D'Amico

Iperboliche intrusioni, sinestetici accostamenti, metaforici allunghi, dilatazioni sintattiche, sono l’arma vincente della poesia di Lino D’Amico. Uno stile personale e liricamente allusivo a cui il Poeta affida tutto il suo mondo emotivo: onirismo,   memoriale, inquietudini esistenziali, le rien e le tout, di fronte a cui l’uomo rischia di perdere l’identità dell’esistere, o assume la certezza di esser-ci. E spesso ricorriamo ai ricordi per riportare a vita quella parte della nostra storia che non vuole cedere il suo patrimonio all’erosione dell’oblio. Ma c’è anche  la coscienza della bellezza; il fatto di essere presenti al miracolo del Creato; il senso della vita e del fulgore dei suoi palpiti in ogni giorno che nasce; in ogni alba che torna a dare continuità alla luce:   “quel profugo e magico istante/ che ogni alba porge/ con la luce di ogni nuovo giorno.”. In questi versi tutta una storia: ogni istante di melanconico sussulto, di gioioso appiglio, di meditativo confronto in  un euritmico andare che ricama la profondità del mistico morire; del misterioso rinascere.

Nazario Pardini





   
Vetusti ricordi
  
Vetusti e silenti ricordi
lambiscono, distratti,
il labirinto della mente
tra lo sciapo vorticare
di un affanno che assale
nell’alitar di un nulla.

Si aggrovigliano le ansie
con incorporei miraggi
dissodati dal vomere
del tempo che scivola via,
nel crepuscolo di attimi fugaci
e stagioni che tramontano.



La melodia del cuore
  
Etereo silenzio,
sinfonia di angeli,
flebile eco che bisbiglia,
effimera, la melodia del cuore
in questa età che si sparpaglia
nel crepuscolo incognito del tempo,
 offrendo, forse, la capacità
di vivere l’attimo senza fantasmi,
sognare ad occhi aperti,
distillare mormorii di speranze
e comprendere, senza dire,
quel profugo e magico istante
che ogni alba porge
con la luce di ogni nuovo giorno.



Flebili brusii
  
Nel flebile brusio
di un effimero pensiero,
un morbido alitare di brezza
mi lambisce distratto
portando ricordi e promesse
a baratto di tremuli miraggi
pregni di labili illusioni,
profughi mormorii
e sopite malinconie.











Nessun commento:

Posta un commento