venerdì 8 febbraio 2013

PREMIO "TULLIOLA" "RENATO FILIPPELLI"


 

Verbale della riunione di Giuria della XXI edizione del Premio letterario “Tulliola”, “Renato Filippelli”

A Formia, il giorno tredici gennaio dell'anno 2013, alle ore 16,35 si è riunita la Commissione giudicatrice del Premio “Tulliola”, nell'abitazione di Carmen Moscariello, fondatrice e presidente del concorso letterario in oggetto.

Sono presenti: Carmen Moscariello, Marina Argenziano, Gelsomina Formicola, Erasmo Magliozzi e Giuseppe Napolitano. Sono assenti i sigg.: Ugo Piscopo, Mary Attento, Ernesto D’Argenio, Franco De Luca, Manfredo Di Biasio, Michele Graziosetto e Domenico Pimpinella, Maria Pia Selvaggio. Fa da segretario Giuseppe Napolitano, Presiede per delega di Ugo Piscopo Carmen Moscariello.Tutti i commissari, anche quelli assenti alla seduta, hanno inviato alla segreteria del premio, tramite e-mail o per posta, le scelte effettuate relative alla rosa dei vincitori e dei segnalati.

Risulta assente e non votante (non ha fatto pervenire la scheda) un solo giurato.

I componenti presenti, preso atto delle scelte effettuate dagli assenti e avendole tenute in massima considerazione, dopo aver letto e verbalizzato le proprie schede e quelle dei giurati assenti, relative alle opere selezionate, si sono intrattenuti a lungo in un dibattito critico che ha fatto registrare punte di vivacità in modo particolare nell'esame di alcuni lavori particolarmente eccellenti, soprattutto per la poesia (alla sezione poesia hanno partecipato alcuni dei più importanti nomi del diorama contemporaneo).

Si è poi proceduto al riesame collettivo dei lavori più votati dai singoli membri ed alla formulazione delle rose dei finalisti per ciascuna sezione del Concorso. Su di essa ogni giurato ha nuovamente espresso il suo parere.

Infine, e sempre all’unanimità, la Commissione giudicatrice del Premio ha deciso di assegnare i premi nel modo seguente:

Sezione Poesia – Renato Filippelli :

terzo premio a Giulio Marchetti per “ La notte oscura”, Editore Puntoeaccapo, Noviligure;

secondo premio a Nazario Pardini per “Alla volta di Leucàde” Mauro Baroni Editore , Pisa;

primo premio a Serena Dal Borgo per “Non ancora” Book Editore, Ferrara.

Inoltre sono stati segnalati al quarto posto a pari merito i seguenti poeti: Carmelo Consoli: L’ape e il calabrone; Salvatore Cangiani: Ed è martirio e canto ; Maria Luperini Panna: Verrò a passeggiare i ricordi;; Pasquale Balestriere: Il sogno della luce; Pietro Secchi : Modernità d’amore; Guglielo Wurzburger: Otantacinque; Liliana Paisa: Pensieri bianchi; Silvia Viola: Infinito insperato; Nicoletta Corsalini: Di fronte al destino; Magnavacco: Soste;

Sezione narrativa edita:

terzo premio ex aequo a Domenico Americo per “Only you”, editore Albatros, Roma e a Leonardo Mastia per “Il viale degli angeli Boulevard Sérurier”, Guida Editore, Napoli;

secondo premio a Sergio Ruggiero per “Il respiro del mare”, Editore Mannarino Franco, Brescia;

primo premio ad Arnaldo Manuele per “Il disagio dell’alfiere” Editore Albatros.

Al quarto posto segnalati a pari merito:Massimo Meoni: Maia; Roberto Guerrini: Il bagliore d’un sogno.

Sezione saggistica edita:

terzo premio a Pino Pecchia per “Il colonnello Michele Pezza”,Editore Arti grafiche Kolbi di Fondi;

secondo premio a Veniero Scarselli per “Indagine molecolare sul bello”, Editore Prometheus, Milano;

primo premio a Giuseppe Manitta per “Giacomo Leopardi, percorsi critici e bibliografici (1998-2003)".Il Convivio, Castiglione di Sicilia (CT).

Segnalati al quarto posto a pari merito: Vincenzo Iannuzzi: L’uomo e il determinismo cosmico;Mauro Valentini: Il crepuscolo delle due libertà; Renzo Piccoli: Tentazioni occidentali; Mauro Montacchiesi:Opus de ho minibus .

Sezione saggistica sulle opere poetiche dello scrittore Renato Filippelli:

Sono stati degni(ex aequo) di molto apprezzamento le opere sulla saggistica dedicate alla poesia di Renato Filippelli. Gli autori di seguito ordinati alfabeticamente sono :

Carmine Brasile; Giuseppe Centore; Dante Iagrossi; Giuseppe Limone; Felice Londrino; Elio Meschinelli; Nicola Terracciano; Antonio Villa; Marcello Villucci.

La commissione ha molto apprezzato anche un video di Fert Alvino,considerato fuori concorso.

La seduta viene sciolta alle ore 20, dopo aver data lettura del presente verbale.

P.S. Nei giorni successivi sono stati inviati al Presidente della Giuria al Poeta Ugo Piscopo le proposte dei giurati, il quale ha condiviso in tutto e per tutto le scelte della Commissione. Si precisa che al Presidente della Giuria erano state consegnate, man mano che pervenivano, tutte le schede dei giurati e le relative opere.

PREMIO “TULLIOLA”

Edizione 2012-2013

Giudizi

Poesia

  1. A Serena Dal Borgo è assegnato il primo premio per la poesia per la raccolta non ancora, Ro Ferrarese (FE), Book Editore, 2011. La delicatezza, la levità, la trasparenza sono le connotazioni essenziali dei frammenti lirici che ingemmano e impreziosiscono lo scrigno offerto al lettore dalla poetessa con questa plaquette. Entro geografie dell’acqua e del silenzio, dell’acqua che sussurra in silenzio misteriosi accenni alla implacabile presenza dell’Assenza-e-dell’Alterità e del silenzio che tesse fili e figure che vengono dall’acqua e tornano all’acqua per verificare in completezza il ciclo dell’eterno ritorno, si pongono in essere palpiti di vita ansiosi di lontananze, ma che in umiltà si riconducono costantemente a misure del possibile e del precario, dello strettamente “nostro”. (Poeta Ugo Piscopo)

  1. A Nazario Pardini è attribuito il secondo premio per la silloge Alla volta di Leucade, prefazione di Vittorio Vettori, postfazione di Floriano Romboli, Viareggio-Lucca, Mauro Baroni Editore, 1999. Il volume, già nella distribuzione delle composizioni lungo assi che mettono a fronte contemporaneità e classicità, segnala la sua proiezione verso il dialogo tra epoche, culture, situazioni linguistiche e metriche non univoche, come a ribadire che la parola in poesia si costituisce sulla cifra non della diacronicità, ma su quella di un fascino che si ripropone avvolgentemente e irrefutabilmente con una sua cogenza su uno sfondo di astoricità. Ne consegue una maniera di lavorare contenuti semantici e moduli formali, che scommette più sullo stile e sulla struttura che sulle sottolineature del nuovo, più sul sublime che sulle trasgressioni e sul plurilinguismo. (Poeta Ugo Piscopo)

  1. Giulio Marchetti vince il terzo premio con il quaderno di poesie La notte oscura, prefazione di Mattia Leombruno, Novi Ligure (AL), Puntoacapo, 2012. A monte del suo immaginario e della sua scrittura, si colloca l’alta lezione di poeti come Caproni, Sereni, Luzi che avvicinano le punte di quotidianità e universalità, di evento e simbolo. In Marchetti, questo esercizio si caratterizza per la spinta data all’ispirazione e al linguaggio verso il confronto con le situazioni in movimento che slittano su un “clinamen” a rischio di sgranature, di esiti ambigui e fratti. Queste slegature, intanto, stranamente, conturbantemente, recano in sé memoria di remote concordanze, di cerchi chiusi, mentre inducono la parola a raccogliersi in ambiti di sentenziosità. (Poeta Ugo Piscop

Il giovane Giulio Marchetti con “La notte oscura” propone un diario di singolare densità e intensa forza dialogica. Consapevole di una lezione classica assimilata con personale gusto (“come lampi di antica memoria”) e aperto a forme espressive altrettanto ben possedute, il poeta ragiona sul perpetuo divenire del mondo e sull’instabilità della nostra presenza. Facendo attenzione a non cadere nella pretesa filosofica, tesse invece una tela di preziosi fili a proteggere la paura di vivere. Non è poco: il poeta conosce e invita a rendersi conto di avere limiti pur nella nostra grandezza. “Qui e ora”, lo sa, è il nostro compito: “avere una direzione non basta – e dobbiamo inventarci l’immenso” con “la piccola gioia di essere umani”. (Giuseppe Napolitano)

Da “una bestemmia di cielo” (quando la speranza sembra “senza scampo”) al “Dio della tua mente e del tuo cuore”(allorché la fede guida il passo estremo – e ne è salvo anche chi resta): due facce dello stesso specchio riflettono in questo appassionato “Sogno della luce” di Pasquale Balestriere il turbamento del poeta uomo che sa di non dover mostrare altra faccia che la sua – e lo fa con lieve segno di parola che parla a mente e cuore, ma senza retorica senza lamentele o compiacimenti, piuttosto facendo della malattia (la propria) e della stessa morte (di sua madre) esemplari momenti di virile riscatto. (Giuseppe Napolitano)

“Ed è martirio e canto” di Salvatore Cangiani mostra “il disorientamento interiore” dell’uomo contemporaneo, afflitto da insipienza e cultura dell’immagine, timoroso di scoprire “che Itaca è ormai disabitata”, e insieme la volontà del poeta di non cedere all’inganno dell’esistenza, ricostruendo anzi per sé – e per chi avrà orecchie per intendere – una proposta di “canto” che faccia superare il “martirio” accettandone la fatica in nome del premio finale – non il presuntuoso azzardo di “superare la morte” ma la “beatitudine” del naufrago che tocca un salvifico “altrove”. (Giuseppe Napolitano)

“Modernità d’amore” di Pietro Secchi gioca con la filosofia (con le diverse facce della filosofia: Cartesio e Galilei, Pascal e Campanella), dichiaratamente fra ragione e non senso ma nella certezza che pure al filosofo fa difetto il cuore e ha bisogno d’amore. Negli undici frammenti lirici dedicati a ciascuno (a volte argutamente parafrasati), i quattro grandi del pensiero sono in difficoltà, inchiodati alla difficoltà di uscire dal loro “sistema”, pur sapendo che il “rigore” non sempre aiuta a capire se stessi e il prossimo. “Forse il cuore”… (Giuseppe Napolitano)

Della nostra storia triste si è fatta meraviglia la voce tutta della terra”: è la sintesi di questo doloroso diario che si fa viatico per chi abbia pena di vivere – “L’ape e il calabrone” di Carmelo Consoli è una storia vera che diventa storia di tutti, mediata, sublimata nella dimensione poetica. Qui la sofferenza privata è paradigma di accettazione, la poesia che ne scaturisce è consolatoria ma senza scadimenti retorici. Il canto d’amore per la propria donna è la via di salvezza al momento della perdita irreparabile.

Narrativa

  1. Sergio Ruggiero
  2. Domenico Americo

Leonardo Mastia vince ex aequo il terzo premio per la narrativa col romanzo Il viale degli angeli. Boulevard Sérrurier, Napoli, Guida, 2011, dove i fatti narrati non sono invenzioni della fantasia, ma tracce e testimonianze di un itinerario nella verità del dolore. La vicenda riguarda direttamente l’autore, che nella scrittura si osserva e si confida per un’esperienza che ha segnato profondamente e per sempre l’esistenza sua e della compagna di vita. E’ l’esperienza di un padre e di una madre che devono prima assistere alla fine di un figlio e poi verificare giorno per giorno la durezza dell’esser-ci in rinunzia e solitudine. Nei due, lentamente, senza che essi ne prendano subito consapevolezza maturano germi di accettazione, che apre interstizi verso la luce, verso la comprensione della precarietà del tutto. (Poeta Ugo Piscopo)

La grande storia filtrata nelle nostre quotidiane vicende, e viceversa le microstorie che fanno la Storia con la maiuscola: così può leggersi “Il disagio dell’alfiere” di Arnaldo Manuele, un vasto romanzo di stampo classico e di sicura presa. All’inizio del secolo scorso, un giovane siciliano vive i drammi che fecero la nuova Italia (fra Giolitti e gli anarchici, fra il terremoto di Messina e quello delle avanguardie artistiche), fino a morirne per eccesso d’amore. La scrittura di Manuele è sempre misurata; carezza i personaggi (i protagonisti e gli altri tutti) e disegna gli episodi (anche quelli che sembrano marginali) con ampie digressioni e rapide sintesi, accompagnando sempre il lettore e tenendolo sospeso nel succedersi degli eventi e il crescere dei sentimenti fino al tragico scioglimento della trama. (Giuseppe Napolitano)

Saggistica

  1. Giuseppe Manitta si aggiudica il primo premio per la saggistica per l’opera Giacomo Leopardi. Percorsi critici e bibliografici (1998-2003), Castiglione di Sicilia (CT), Il Convivio, 2009. All’unanimità, la Giuria dichiara questo solido e imponente lavoro pregevole sotto molteplici profili e innanzitutto sotto quello della serietà e della coerenza del metodo, che fa da griglia alla costruzione complessiva del discorso. Il metodo consiste nell’intrecciare l’accertamento bibliografico-critico con la responsabilità del doganiere che sul campo valuta la qualità della merce in ingresso, per informare l’utenza attuale e futura dei pregi o dei difetti del manufatto in questione. In ultimo, viene elaborato uno strumento utilissimo, che interfaccia la descrizione del documento con l’analisi delle sua provenienza e della sua proiezione in avanti. In questa maniera, l’opera soddisfa molteplici esigenze: quella della tracciabilità e rintracciabilità dei testi, quella di avere orientamento e suggerimento per ulteriori inquisizioni, quella di conoscere che cosa di nuovo sia intervenuto negli studi su Leopardi nella ricorrenza del bicentenario della nascita, quella di poter respirare l’aura dell’attualità della figura e dell’opera leopardiane in un momento come il nostro, attento alle interrelazioni fra scienza e vita e al pluralismo delle scelte, come nel campo della religione e in quelli di altre spiegazioni del mondo. (Poeta Ugo Piscopo)
  2.  
  3. Veniero Scarselli

Pino Pecchia

2 commenti:

  1. miriam luigia binda8 febbraio 2013 10:34

    Alla Volta di Leucade è una raccolta poetica che diventa anche meta di tanti poeti, insieme all'autore sul Blog oramai noto! Un "canto del cigno" che sapientemente porta alla memoria la voce della poesia e la dona a tutti coloro che veramente la sanno ascoltare. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti al poeta Nazario Pardini e buona continuazione. Chiara

      Elimina