martedì 6 dicembre 2016

EDDA CONTE: "BIANCO FRAC"

  Bianco frac

Sentire il silenzio delle ore della notte priva di sonno ti rende partecipe di tutto ciò che si muove dentro e fuori. E tutto ingigantisce. Vivere il cuore della notte mette una certa inquietudine. Dicono che le tre di notte siano l'ora della morte...
 Forse perché è a quell'ora che il cuore cessa di battere? Chissà...però è un fatto che molti sono i decessi avvenuti a quell'ora.
Dunque, io veglio, e non per stare sveglia e controllare l'arrivo dell'ora fatale, no, io veglio proprio perché non dormo.
Come è silenzioso il silenzio della notte! Non ha niente a che vedere con il silenzio tranquillo del riposino pomeridiano, soprattutto quello estivo. E' vuoto inerte inutile ...
Mi muovo, sposto qualche oggetto, leggo le costole dei libri, allineati e silenziosi anche loro negli scaffali, mi lascio andare anche a qualche colpetto di tosse per sentire che c'è un po' di vita intorno...ma il silenzio resta lì, compatto, impenetrabile, quasi un nemico invisibile che mi sfiora il collo con alito di ghiaccio. Cerco una via di evasione, fuori dalla portata delle mura ostili.
Sono davanti alla porta a vetri della terrazza. Guardo fuori. Intravedo qualcosa che si muove nella conchina delle petunie.  Si solleva. E' una cosa chiara, bianca direi...sembra un'ala...Sì, è l'ala di un colombo, un comunissimo piccione, uno di quei piccioni cittadini che i benpensanti vorrebbero sterminare  perché portatori di malattie.
 Ma bello!  Si muove ancora, si solleva un po', come noi quando ci giriamo nel letto per cercare la posizione più comoda. Ora lo vedo abbastanza nitido al riflesso del lampione sotto casa: ha le estremità delle ali tutte bianche.. Un piccione in frac! Ah che scoperta. Un piccione  in frac che non dorme sotto la grondaia come i comuni piccioni, non dorme neppure nella comoda conchina dei fiori. Un colombo insonne, oppure uno in abito da sera in attesa di avventure notturne. Insomma, una specie di damerino in elegante marsina ...
Ma la mia distrazione è di breve durata. Il silenzio mi imprigiona nell'ora che passa...il silenzio mi culla sulla poltrona della Ikea, avanti e indietro...avanti...
...indietro...
.Mi sento tutta silenzio.
Un silenzio di attesa.
E attendo.
 Non dormo. E' insonnia, ormai lo so. Ma non mi pesa più. C'è qualcuno che veglia con me. Anzi, questo qualcuno sembra che sia lì proprio per me, per non farmi sentire sola. Lì rimane fino all'alba.
E lì ritorna ogni notte.
Non è per caso, no, Bianco Frac viene proprio qui, viene a dormire nella conchina delle petunie. Viene quando è quasi buio e se ne va all'alba. Si potrebbe rimetterci l'ora dell'orologio, tenendo presente che di giorno in giorno la luce si sposta di qualche secondo.
 Chi non fosse attento a  questi piccoli-grandi accadimenti in una vita vissuta tra le pareti domestiche, non arriverebbe mai a conoscere il piacere di questi arrivi e partenze che scandiscono il tempo della notte. 
................
Passano i giorni..... le notti si fanno pian piano sempre più lunghe , l'alba sempre più lontana...ma noi continuiamo il nostro  colloquio senza parole.
Tu sei solo, amico mio, e anch'io lo sono, in questa grande casa illuminata a giorno tutta la notte. Un po' chiudiamo gli occhi, e forse il sonno è con noi, in altri lunghi momenti  ci scambiamo le solitudini e le insonnie. Tu muovi l'ala- forse ti fa male- io lascio la poltrona e mi affaccio a guardare nel buio.
 Ci sei.
Tu sei lì e attendi il primo chiarore per sollevarti in volo.
Dove vai, compagno delle mie lunghe notti, dove ti posi durante la giornata?
Dove ti portano le belle ali bianche, la tua candida marsina?
 Sei il mio colombo, ,in elegante frac, dalle bianche code.. .Sei il Silenzio...
 Un Silenzio in Frac!
Un silenzio di uno spessore diverso questa notte:  il silenzio della Grande Attesa.
Perfino i bambini non vorrebbero dormire questa notte, combattono con il bisogno di chiudere gli occhi per non perdersi il momento magico.
-Verrà dalla finestra o dal camino? Forse dalla porta... anche se è chiusa, Lui è magico, può passare anche attraverso il tetto...
 Ah, Babbo Natale! Quanti sogni...
Questa è la notte della Grande Attesa. Ognuno si aspetta qualcosa dalla nascita del Bambino. E' la notte che prelude il giorno in cui tutti si scoprono buoni, il giorno del pranzo importante con i figli che ritornano in famiglia, i parenti dimenticati che telefonano da lontano, gli auguri degli amici che non incontri più.
E' la notte dello scampanio delle chiese, degli abbracci sul sagrato, dei baci frettolosi tra le sciarpe intorno al collo....
Io nel silenzio veglio. E attendo il passare delle ore, ripassando nel cuore tutte le attese della vita. E sento il richiamo delle campane, da lontano...da vicino... una festa!
 Anche il cielo si è vestito a festa: una grossa luna bianca e lucente illumina tutto. Sembra  pieno giorno.
Dalla conchina dove fiorivano le petunie si solleva qualcosa di luminoso: è il mio colombo in bianco frac..
 No, è più grande.. molto più grande...e si solleva piano...  su ali leggere vaporose come piume...Si libra nell'aria, sempre più in alto, sempre più in alto...  nel cielo splendente della Notte di Natale...

Edda  Conte- Dicembre 2016


7 commenti:

  1. Ancora una volta la fantasia di Edda Conte ci trascina ai confini dell’onirico, che si veste di mistero, verso l’alto, l’armonia, la catarsi. E ci fa meditare. Meditazioni sul silenzio, sulla notte dell’insonnia, sul vuoto, sulla vita che passa, sulla solitudine, sull’attesa inerte che potrebbe dare senso alla vita…E nell’inganno della notte e del mancato sonno ..ecco l’ala di un colombo, un’ ala bianca diventa il simbolo, l’immagine del futuro immediato che ci aspetta: un colombo..in frac, in abito da sera. Anche lui insonne.
    Ed è la vigilia di Natale: il colombo in frac ..si solleva su ali leggere e vaporose confondendo realtà, poesia e sogno: una presenza che sa di mistero e consolazione.

    RispondiElimina
  2. In piedi,in un angolo della cucina,una tazza di tisana in mano,alla ricerca di una via di fuga dalle tensioni quotidiane.Voglia di rallentare,voglia di quiete,voglia di dare e ricevere altro dalla vita.
    Mi cade l'occhio su un post,leggo "bianco frac".Lo leggo.E lo rileggo improvvisamente invasa da quella pace che tanto desideravo,calata nella magica atmosfera di quella notte,placata dalla dolcezza di quella descrizione.Potere evocativo dello scrittore!!Grazie Edda.
    Patrizia

    RispondiElimina
  3. A Babbo Natale, ahimè, abbiamo smesso di credere da molti molti anni...difficile sentire la magia del Natale, invasi da prodotti in tutti i supermercati a partire dai primi di novembre...invece Biano Frac, l'Angelo, il Colombo di Natale riporta in vita l'atmosfera, la spiritualità, la magia di questi giorni...ma l'Angelo compagno di notti insonni, guardiano di pace interiore ci accompagna ogni giorno dell'anno, per sentire e ricordare che siamo anche anima...molta anima...grazie Edda

    RispondiElimina
  4. La notte, la veglia, il silenzio compatto, impenetrabile, lo definisce l'autrice, che quasi appare come un nemico, un nemico invisibile, il disagio di quelle ore, il desiderio di tirarsi fuori, di evadere e poi come per magia spunta il “bianco frac”, anche lui insonne, magari anche lui si sente solo. Ecco che il silenzio, non è più un nemico da combattere, tutto diventa più accettabile, è sollievo condividere con altri la propria insonnia, il proprio disagio, non si è più soli. Quasi come in un rapporto di complicità con l'altro, il colombo diventa il compagno delle notti, dei propri pensieri, della propria sofferenza. Ed infine ecco che è la vigilia di Natale e il bianco frac entra a far parte di una notte in cui tutto pare possibile, una notte magica, così il suo volo confonde la realtà con il sogno. Un storia che ci fa riflettere, una prosa che diventa ad ogni passo poesia, un racconto da leggere e rileggere per l'armonia e il senso di pace, per assaporne l'intensità e il trasporto trasmesso. Complimenti all'autrice e grazie, Stefania

    RispondiElimina
  5. Quattro commenti, quattro consensi per il mio racconto, e la consapevole partecipazione ai pensieri di una notte di veglia...
    In fondo , lo considero uno scambio di auguri per la prossima notte di Natale. Ringrazio di cuore.
    Edda Conte.

    RispondiElimina
  6. Edda Conte innesta il suo silenzio ontologico nella solitudine di un ambiente tanto familiare quanto pressantemente ossessivo.
    Il suo desiderio di evasione totale si incide chiaramente nella naturalità di un piccione elegante "essere" di compagnia paradossalmente notturna. Tra l'insonnia aggressiva ed inquietante e la formidabile liricità narrativa, l'autrice si confessa alla natura sorridendo e compiacendosi di un 'altro momento vissuto. L'appagamento artistico di sé si completa quindi nella struttura di tutto il suo eccellente "corpus" creativo.
    Marco dei Ferrari

    RispondiElimina
  7. Molto interessante questo intervento di Marco dei Ferrari. Prescindendo dal valore letterario intrinseco del racconto, si estende a dimostrazione di una profonda conoscenza della mia scrittura.
    Un sincero grazie.
    Edda Conte.

    RispondiElimina