mercoledì 1 ottobre 2014

N. PARDINI: LETTURA DI "MAURIZIO SOLDINI: SOLO PER LEI..."




Maurizio Soldini: Solo per lei effemeridi baciate dal sole LietoColle Edizioni. Varese. 2013

Forza evocatrice che sa tradursi in rime da bàttima marina

Un canzoniere d’amore intenso, generoso, eroticamente contaminante, i cui versi, con grande empatia, abbracciano la dilatazione dell’anima verso la luminescente sinfonia di Mina, la donna amata; verso “Una donna più bella assai che ‘l sole,” (Francesco Petrarca, Canzoniere, 119). La citazione mette bene in movimento la polisemica struttura di sapido valore partecipativo. E quale autore, Soldini, poteva scegliere come momento prodromico  per il suo canto se non che il Petrarca; il cantore dei cantori. Solo per lei, il titolo della plaquette. Ed è qui che incontriamo la totale corrispondenza fra il sentimento dei sentimenti e la vita. Dacché l’amore è vita. Lo è con i suoi slanci passionali, con le sue rattenute esistenziali, con le sue fughe oltre la terrenità, con i suoi abbracci eterei, celestiali, con i suoi abbrivi oblativi, sapidi di nirvana edenico, con i piccoli eventi della quotidianità. E non è forse l’amore la causa scatenante di tutti i nostri sentimenti? 


E la passione, la tristezza, l’edonismo, la gioia, la follia, la gelosia, l’odio, la noia, l’umorismo e il male di esistere non sono forse categorie dell’anima legate alla sopraffazione dell’amore sulla ragione, o all’assenza dell’amore stesso, o alla sua piena esplosione? E in questo poema troviamo tutta la gradazione, tutto il climax del polisemico sentimento; tutta la forza evocatrice che sa tradursi in versi da bàttima marina per la loro ondulazione metrica volta a combinarsi col magma interiore dell’Autore. Un significante metrico di grande efficacia visiva. Una grande simbiotica fusione fra significato e significante infoltita di pregevoli configurazioni stilistiche per la resa del canto. Ed è la Natura con i suoi quadri avvolgenti a farsi disponibile per le concretizzazioni degli impatti emotivi: mattini madidi, il tuo sole, stelle, la notte buia, il cielo, la quiete del mare, brezze marine. Illuminazioni che si fanno incontro all’abbraccio del poeta; che entrano nella sua anima per trasferirvi sostanza e potenzialità creativa, fonica, e cromatica; una sostanza che si vivacizza in battiti di ciglia, in occhi di mare, in labbra dolci, or rosa, or rosse, in voce tua soave, in canto di sirena. Accostamenti fisici a respiri, a istanti fermati in un eterno che perdura. E tutto si declina in una totalità che tende ad escludere il dubbio:

Desisti dal pensare che non ti amo
non chiederti se è uno sbaglio avermi incontrato
perché il tempo ti dirà chi sono e il dubbio poi sarà lasciato
cadere in mare aperto e il cuore tuo navigherà in porto fidato (pag. 23).

Il mare. 


Un simbolo di romantica memoria, dove si avventurano sogni, e che simboleggia la vaga libertà dello spirito. È in quella immensità che di solito il poeta si tuffa con la sua aspirazione all’immenso:

Aspetto insieme a te che il sole sorga
nel bianco chiarore dell’alba marina
a colorare il mare che ancora ha toni grigi.
(…)
parole che il sole e questo mare
sanno intendere, ma che tu sola, Mina, anima mia,
sai leggere e capire nel dire mio mutato nel silenzio
che ti comunico guardando nei tuoi occhi
tra i baci dati a perdifiato sull’umida battigia
di questa fresca mattina alla cara marina (pg. 25).

Sinestesie, rime, assonanze per accompagnare la cifra lirica di euritmica musicalità dal sapore petrarchesco. Enjambements senza respiro vòlti ad una narrazione impellente, esondata da un’anima carica di voglia di amare. Una piena fusione fra erotismo e una marina che si fa presenza di passione traslata in luce. Una verticalizzazione che dagli strati più nascosti dell’anima si inabissa nella  luminosità del cielo. Ma nella vita, come nell’amore, giocano i sospetti, e spesso s’insinuano nebbie e oscurità. Sono questi che Soldini vuole cancellare, per tradurre il tutto in speranza, ricorrendo anche al lume dei ricordi:

Non entrare e non restare nella stanza buia del sospetto,
del dubbio che aggiunge nebbia a oscurità.  
Se adagi il pensiero nella perplessità che blocca
e non ti fa guardare avanti con speranza,        
ricorda di recuperare quel lume dal cassetto
dei ricordi che il cuore tuo conserva gelosamente
nell’angolo segreto a cui soltanto in due si può accedere (pg. 27).

Afferma La Rochefoucauld che “considerando i risultati, l’amore si avvicina più all’odio che all’amicizia”. Mentre un poeta contemporaneo afferma che “l’amore è un’infezione dell’anima che si trasmette al corpo tramite la vista”. Il fatto sta che Soldini sa elevare questo sentimento alle soglie del cielo per la grande spiritualità da cui è sostanziato. Un volo in alto, nel delirio d’estate, per raggiungere le vette dei baci rubati ai minuti che passano senza aspettare:

Ho tanto bisogno di veleggiare
nel nostro desiderio di bellezza
e se è il caso di naufragare
nella profondità dell’azzurro
degli occhi tuoi di mare (pg. 55).

E sa l’Autore che il tempo fugge; è cosciente della sua precarietà, della sua inafferrabile presenza; per questo sente forte il bisogno di tramutare il rapporto della sua vicenda col tempo in carpe diem, di dare tutto se stesso alla donna che ama, sapendo che la vita sono i giorni prestati dalla morte. Un denso incitamento a viverlo questo spazio, e a non gettare al vento la cosa più sacra che il Cielo ci abbia donato:

E sopravvive il canto maturo
di effemeridi baciate dal sole (pg. 57).

I versi, spesso ipermetrici, frutto di raddoppiamenti fra settenari e endecasillabi, fra quinari e endecasillabi, o endecasillabi e ottonari:

Eravamo in un mare in burrasca le onde travolgenti
sempre più alte e incontrollate che sopravanzavano
portandoci a derive di parole ineffabili e pur dette (pg. 33),

si alternano a pièces in cui l’endecasillabo giganteggia fra versificazioni più brevi o più ampie, sfoderando tutta la sua maestosa musicalità:

Se la dea si adorna di beltà
nella luminescenza della sera
che imbianca i folti boschi 
attorno al lago dai riflessi argentei
e invia a noi messi in ascolto
l’invito al casto amore
che si tramuta nella fedeltà… (A Nemi).

Uno spartito di euritmica sonorità che ben accompagna la sintonia fra umanizzazione naturistica e abbrivi erotico-emotivi della liricità dell’opera.
Ed è il memoriale che s’impenna con le sue rievocazioni preziose e generose. È il ricordo di giorni di sole, di intemperanze di voluttà, di baci e sorrisi, di una feria d’estate, a Praga, in Provenza, dove ritorna alla luce un tempo passato a calpestare il ponte Carlo, e dove i campi hanno profumato di lavanda nelle serate fresche di limone. 


Qui la poesia di Soldini assume i connotati di un lirismo avvolgente di intima potenzialità. È in questo riemergere, forse, lo slancio più vero, più umano di un amore che vince il tempo:

Tu mi riemergi ancora come fonte
dalla memoria dei percorsi 
interni alla ricerca delle mie radici
di quello che io sono adesso
ginestra innestata su una rosa (pg. 51).

Perché, al fin fine, è proprio alla Poesia che Soldini affida tutto se stesso, al suo misterioso ed epifanico connubio fra anima ed amore, fra cuore e vita. È in essa che vuole incidere la felicità che Mina gli porge in dono. E se si eleva “in alto sul clivo rupestre”, lo fa per guardare lontano, per rendere supremo il suo canto; lo fa per :
imparare a respirare e a vivere di poesia (Sapienza della nudità terrestre).

       
Nazario Pardini

2 commenti:

  1. Bravissimi entrambi: l'autore e Pardini entrano in osmosi di sensi e di pensieri. La bellissima nota dell'esegeta fa emergere ancora di più la rara e preziosa essenza del canto. Qui vi è un Soldini (a me sconosciuto) che appare intenso e grandemente legato alla parola "amorosa", che sa esplicitare toni suggestivi e profonde immagini dei sensi. Complimenti Maurizio!
    Ninnj Di Stefano Busà

    RispondiElimina
  2. Ringrazio il Professor Nazario Pardini. Per il tuo tempo dedicato a me e alla mia scrittura. Per la sua acribia e per la sua profondità di lettura. Ha colto l'intenzione dell'opera, ne ha afferrato le sembianze più apparenti, ma anche quelle appena sospirate e anche quelle sottilmente sottaciute. Ha colto soprattutto quel petrarchismo di fondo, annunciato sin dall'esergo ed esasperato volutamente con la consapevolezza dell'autore di andare controcorrente sia dal punto di vista sostanziale sia da quello formale nel momento storico e culturale in cui stiamo scrivendo. Difatti so che è più facile trovare nel mondo degli addetti ai lavori un rigetto per SOLO PER LEI piuttosto che un plauso, che invece Pardini gli ha tributato.
    Poesia d'amore, scritta sotto un plafond petrarchesco, in forma metrica particolare, irregolare tra un endecasillabo, un alessandrino e un ipermetro più spesso ricercato, per suggellare un amore particolare, una passione struggente per la donna di una vita che ora è mia moglie e per la quale la passione e l'amore perdurano, ma anche per dire di un amore che si fa universale. Poesia che proprio in universali può essere colta e raccolta con lo stesso entusiasmo e passione da autore e lettore, come in modo particolare il prezioso Lettore Nazario Pardini è riuscito a fare in virtù del suo essere poeta oltre che critico.
    Ma l'intento di questa poesia è di chiedere ascolto non soltanto agli addetti ai lavori ma a chiunque abbia a cuore l'esistenza e nell'esistenza in quanto essere umano si interroga sull'amore.
    Pertanto spero che venga presa la pro-vocazione che nasce da questa plaquette e ne possa emergere una qualche scaturigine che porti come per ogni opera alla storia degli effetti, che in questo caso sono pronto a raccogliere, come già detto, nel bene e nel male.
    Grazie ancora, Nazario!
    Grazie anche a Ninnj Di Stefano Busà per le sue parole.
    Non mi resta altro che invitare tutti i lettori, ma proprio tutti, a leggere questo libro, che sicuramente susciterà critiche nel bene e nel male, entrambe ben accettate.

    http://www.inmondadori.it/Solo-lei-effemeridi-baciate-Maurizio-Soldini/eai978887848793/

    Un caro saluto
    Maurizio Soldini

    RispondiElimina