sabato 2 gennaio 2021

GIUSEPPE MARIA LOTANO: "SALPARE"


Maria Rizzi,
collaboratrice di Lèucade
L’augurio di Buon Anno del Poeta lucano Giuseppe Maria Lotano, spirito libero, dalla cifra stilistica tipografica, eppure ricca di visioni, che trascinano in altra dimensione.




SALPARE


Urlare

inni dell’anima      

sibili intensi

irruenti di ventata

e sapori di vita

volare di gioia

dare ai sogni

ali di respiri

scrivere silenzi

divenuti realtà

fare della vita

passi di pace

infiammare

nidi d’infinito

inviare raggi

nutriti di calore

a svelare l’ignoto

amare il tempo

vivere di battiti

muovere da rada

e veliero salpare.

 

Giuseppe Maria Lotano

73 commenti:

  1. Ringrazio il nostro caro Nazario per aver inserito un'altra voce amica nell'Isola dove lo spirito si rinfranca e si eleva e sottolineo l'originalità di Giuseppe Maria, che scrive sia in lingua che in dialetto lucano liriche tipografiche dal grande potere immaginifico. "Salpare" mi sembra un'idea quanto mai augurale per il viaggio che ci accingiamo a compiere tutti... E' un inno di speranza e una trasfusione di coraggio. Li ringrazio entrambi, li abbraccio e rinnovo ancora gli auguri a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione!!
      Giuseppe Maria

      Elimina
  2. Egregio professore Nazario Pardini,
    a volte necessita “urlare” per volare con la leggerezza dell’eco che si ripete finché non è stata ascoltata, solo allora si vince la indifferenza, distrazione, superficialità, e inviti a mutamenti di pensiero. Gratitudine per avermi ospitato sulla più nobile balconata possibile per permettermi di “urlare” il messaggio con invito a “salpare”. Buon lavoro a tutti e cordialità.
    Giuseppe Maria Lotano

    RispondiElimina
  3. Versi avvolgenti, incalzanti da cui traspaiono percorsi di rabbia tormentati di pace, lucidi misteri in cammino, le varie tonalità di una voce consacrata al silenzio, mentre sogni realizzabili dissentono da cielo e mare per violare l'inconoscibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie e buona navigazione !!
      Giuseppe Maria

      Elimina
  4. Versi avvolgenti, incalzanti, che svelano percorsi di rabbia tormentata dalla quiete, lucidi misteri in cammino, le varie tonalità di una voce consacrata al silenzio, sogni realizzabili in dissidio da cielo e mare per violare l’inconoscibile.

    RispondiElimina
  5. Salpare... elegante poesia dal contenuto intenso che trascina il lettore nell'intricato approdo delle sue emozioni...
    Franca Maria Passannante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione!
      Giuseppe Maria

      Elimina
  6. Salpare... elegante poesia dal contenuto intenso che trascina il lettore nell'intricato approdo delle sue emozioni...Franca Maria Passannante

    RispondiElimina
  7. Non è solo il titolo a far comprendere il movimento, il divenire, ma dai primi versi ci si trova a bordo di una nave con le sue vele spinte da un vento di speranza verso un futuro decisamente positivo e allegro.
    Come sempre "pennellate" di vita di Giuseppe Maria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.

      Elimina
    2. Grazie e buona navigazione!
      Giuseppe Maria

      Elimina
  8. Giuseppe! Caro "vecchio" amico...
    Tra le parole di questa tua produzione - riduttivo assai dirla così, ma suona di prodotto artigianale... e allora così mi piace - trovo la tua saggezza, il tuo vedere la realtà con sguardo sottile che non rimane abbagliato dai lampi più vistosi ma che riesce ad andare più a fondo e più lontano, scorgendo luoghi, modi e "sogni" di umanità ferita sì ma mai sopraffatta e annullata.

    Un abbraccio!
    Ad maiora!

    RispondiElimina
  9. caro Giuseppe Maria ho letto diverse tue poesie ricevendone sempre entusiasmo, ora leggendo SALPARE i versi mi fanno venire la voglia di essere vela per seguire te in questo coinvolgente e meraviglioso navigare nei meravigliosi progetti della vita.
    Felicetta Gesualdi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  10. Ciao Giuseppe Maria, bella SALPARE e come sempre riesci a creare stati ed immagini isolati che creano autonome sensazioni per poi fondersi in un unicum finale.
    Ancora auguri di buon anno Mauro Intini

    RispondiElimina
  11. Ciao Giuseppe Mai, condivido gli apprezzamenti del professore e di Maria Rizzi in merito agli auspici del "salpamento" e quando avrai tempo, pensa anche a mettere in prosa ... l'auspicio di muovere con successo verso gli ampi spazi siderali.....
    Emanno Aloia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione!
      Giuseppe Maria

      Elimina
  12. Della poesia “SALPARE” condivido i commenti autorevoli del Professor Nazario Pardini e della Poetessa e Scrittrice Maria Rizzi . Comunque la poesia è tutto un programma di viaggio per “svelare l’ignoto” e ciò richiede un forte impegno nella vita di ognuno per SALPARE verso tale orizzonte.
    Vincenzo Sgro

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Questa poesia è così profonda e intensa in un insieme di stati di animo e di sensazioni che stimolano l’essere umano ad andare avanti a “muovere da rada” e a “salpare” navigare nel mare della vita.
    Insomma un inno alla vita, all’amore e alla gioia.
    Maria Lariccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione
      Giuseppe Maria

      Elimina
  15. Quando ho scoperto con meraviglia di avere un amico poeta l'ho seguito, né avrei potuto fare altrimenti, perché lui non ha mai mancato di farmi omaggio delle sue raccolte che ho letto e conservo. La sua produzione si è poi allargata alla saggistica combinata con la poesia vedi "Pinus leucodermis" e "Tratturi" per approdare infine alla sua opera omnia, una sorta di trattato di storia locale "Prèet". Di tutte queste opere le poesie sono per me la parte più spontanea e genuina. Ho visto paragonate per lo stile a poeti più conosciuti, io penso invece che sono il frutto di un suo vissuto molto personale, interiore. Alcune delle sue poesie, quelle che hanno un valore di carattere più generale, sono fluide, immediatamente comprensibili, che si imprimono, altre, quelle che attengono ai sentimenti ed affetti più intimi, sono più ermetiche, perché prevale il pudore, tutto lucano, di non rivelare compiutamente agli altri la parte più interiore e nascosta di sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maia

      Elimina
  16. Come un guitto il poeta salpa dal palcoscenico del reale a quello surreale, con la stessa lievità di un respiro.
    Enza Cristiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  17. Come un guitto il poeta salpa dal palcoscenico del reale a quello surreale, con la stessa lievità di un respiro.
    Enza Cristiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  18. La poesia di Giuseppe Maria invita con forza a guardare oltre e andare su nuovi percorsi rispetto alla rada da cui “salpare” e propone una bella avventura di affascinante vita,indicazioni da praticare.
    Domenico Mirante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  19. La poesia di Giuseppe Maria invita con forza a guardare oltre e andare su nuovi percorsi rispetto alla rada da cui “salpare” e propone una bella avventura di affascinante vita, indicazioni da praticare.
    Domenico Miranta

    RispondiElimina
  20. Quando ho scoperto con meraviglia di avere un amico poeta l'ho seguito, né avrei potuto fare altrimenti, perché lui non ha mai mancato di farmi omaggio delle sue raccolte che ho letto e conservo. La sua produzione si è poi allargata alla saggistica combinata con la poesia vedi "Pinus leucodermis" e "Tratturi" per approdare infine alla sua opera omnia, una sorta di trattato di storia locale "Prèet". Di tutte queste opere le poesie sono per me la parte più spontanea e genuina. Ho visto paragonate per lo stile a poeti più conosciuti, io penso invece che sono il frutto di un suo vissuto molto personale, interiore. Alcune delle sue poesie, quelle che hanno un valore di carattere più generale, sono fluide, immediatamente comprensibili, che si imprimono, altre, quelle che attengono ai sentimenti ed affetti più intimi, sono più ermetiche, perché prevale il pudore, tutto lucano, di non rivelare compiutamente agli altri la parte più interiore e nascosta di sé.
    Francesco Loi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  21. Ringrazio l'autore Giuseppe Maria per il componimento SALPARE, sintesi di vita vissuta che ci regala e a cui ci propone di partecipare.
    In attesa di ulteriore emozioni esistenziali saluto cordialmente.
    Nicola Pennimpede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  22. I versi di SALPARE del poeta Giuseppe Maria Lotano sono vele sospinte dal veno, che infiammano, incitano a sognare, a riflettere nei silenzi, ma urlano e sibilano pace, calore, speranza, desiderio di conoscenza.
    Maria Celano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  23. Poesia profonda e ricca di spunti di riflessione.
    La vitta è un viaggio pieno di tappe raggiungibili per strade lineari o tortuose; tuttavia è necessario ritrovare in ogni luogo il proprio porto sicuo, per poi ripartire e affrontare col medesimo entusiasmo la successiva esperienza, vivendo pienamente ogni singola emozione.
    Rosanna Pirotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  24. Ciao Giuseppe Maria,
    i tuoi versi essenziali e taglienti provocano nell’uditorio, come sempre, emozioni intense.
    Ti stanno scoprendo come un ottimo Poeta, ma forse non sanno che la parte migliore dii te è quella da sempre dedita a “raccontare” le tante eccellenze che caratterizzano la tua terra d’origine ed alla costante assistenza alle persone bisognose d’aiuto.
    Complimenti dal tuo amico Mario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  25. Un progetto e itinerario per fuggire dalla solitudine e cogliere valori della vita a vele spiegate. Occorre raccogliere l’invito a sentirsi “veliero”, come propone la poesia SALPARE di Peppino.
    Interessante affrontare rotte che tracciano le emozioni, da cui farsi attrarre, inebriarsi e innamorarsene.
    Tra onde sconosciute non perdersi ma vivere e incontrare realtà desiderata, lasciarsi cullare e specchiarsi nel profondo azzurro di cui si veste il mare, per sposarsi all’orizzonte con la leggerezza e trasparenza del cielo.
    Auguri per altri componimenti e cari saluti.
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  26. Stefano Panettieri15 gennaio 2021 07:08

    Il suono intenso degli inni dell'anima, che come ventate squarciano le mura della individuale prigione, fa gustare i momenti gioiosi della vita e fa sognare. Desiderio di pace e caldi ragi che penetrano l'infinito fanno battere il cuore di ognuno e spingono a veleggiare verso mondi sconosciuti.

    Stefano Panettieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  27. Bravo ...caro amico mio! In pochi versi, hai ben rappresentato moti dell'anima ed aneliti tesi a raggiungere una meta. Il tuo invito al viaggio è accorato e speranzoso, un incitamento a salpare per l'oceano della vita, alla ricerca di nuovi orizzonti.
    Abbraccione. Cenzino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  28. Peppino, ho letto la tua poesia di alta ispirazione, ma ho anche apprezzata il modo in cui è scritta . Rare parole per righe, quasi a dare il senso della pausa (forma tronca), come segno di riflessione, prima di continuare. Non so se ho espresso bene il mio pensiero, ma sono solo un orecchiante , ma non un esperto.
    Un abbraccio Mimmo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  29. Complimenti per la poesia SALPARE. Non avevo dubbi sulle tue capacità letterarie e sulla tua passione intellettuale.
    Maria Matilde

    RispondiElimina
  30. Carissimo Giuseppe, non poteva esserci lirica più bella e più consona a questo tempo che dobbiamo "amare". e fare della vita "passi di pace".
    Grazie per il tuo entusiasmo di "salpare" ogni giorno e in ogni situazione con battiti di amore e di generosità.
    Sr. M. Silvana

    RispondiElimina
  31. Grazie Giuseppe,leggere” Salpare” è come immergersi nell’infinito. È come un farsi avvolgere da sensazioni di leggerezza, in un mondo fatto di piacevoli sensazioni, un qualcosa di surreale. Parole astratte non palpabili che toccano un profondo inspiegabilmente. Complimenti !!!! Se mi posso permettere credo che il frutto di tutto ciò … puó essere talento … ma soprattutto uno sviscerato lavoro dovuto alla ricerca di un perché, di un qualcosa che forse attende ancora delle risposte, un qualcosa di irrisolto… un qualcosa di inspiegabile… Forse qualcosa di semplice … che purtroppo la mente umana ritiene inspiegabile.
    Antonietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  32. Salpare... Poesia intensa ed espressiva. Leggendo i versi mi fanno venire voglia di viaggiare verso mete ancora da scoprire.
    E' una sorta di invito non solo per il presente, ma anche per il futuro. Con la poesia l'uomo intraprende un cammino di scoperta, entra in contatto con la bellezza del mondo e con le sue infinite meraviglie.
    Complimenti Giuseppe.
    Cari saluti
    Carmine Lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  33. Carissimo amico poeta Giuseppe Maria Lotano che non conosco personalmente ma è come conoscersi da tempo con la sua poesia semplice da capire profonda nell'animo e passione che ci accomuna nel salpare per rotte sconosciute alla scoperta di nuovi incontri, nuove culture, nuove amicizie. Ringrazio per gli omaggi delle sue opere. Spero di fargli in futuro come colonna sonora alle sue poesie con sottofondo musicale della mia Zampogna. Giuseppe Salamone


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
    2. Scusate ma cortesemente gradirei sapere perché dal circa una settimana non inserite il mio messaggio di ringraziamento a chi inoltra un commento.
      Se ci sono nuove disposizioni chiedo un aggiornamento per adempiere.
      Rongrazio
      Giuseppe Maria

      Elimina
  34. L'urlo dell'anima risveglia quella realtà non vissuta fermata dalla pigrizia, che ne ha fermato il tempo.
    Invita a sognare la pace, amare e liberarsi aprendosi al mondo da scoprire lungo un percorso a cui dedicare le nostro energie, fosse anche solo per sognare. come quello che vivo dando il tempo alle amiche tamburando quando pagagliano sul dragon boat della mia associazione "ilrosacheosa" salpando verso orizzonti di infinite acque di una nuova vita.
    Ciao e un grande saluto.
    Rosella Moreschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria

      Elimina
  35. caro Giuseppe Maria,
    la metafora la fa da padrone nella poesia “Salpare, “
    come è giusto che sia.
    Abbandoniamo l’etimologia della parola, quindi, per
    entrare nell’intimo personale dei sentimenti, cioè dentro
    l’animo umano, sempre in costante agitazione. Desideroso
    di sempre più sperimentazioni per placare la sete di conoscenze,
    soprattutto spirituali.
    L’animo ha bisogno di stravolgimenti per sedare la sua irruenza
    e per ritrovare la pace intima, quella che gli porta la serenità
    e lo rassicura del mistero dell’infinito, del trascendentale e del metafisico.
    Tutto ciò, ho ritrovato nella tua lirica e nella tua sensibilità poetica: il
    travaglio dell’uomo che davanti al mistero della morte si aggrappa alla
    vita per goderne i benefici che Qualcuno in alto gli ha riservato a condizione
    che sappia infondere amore, per riceverne grazia ed amore, condizioni
    fondamentali su cui si costruisce l’umanità-
    Salvatore Moschella

    RispondiElimina
  36. grazie e buona navigazione.
    Giuseppe Maria

    RispondiElimina
  37. Grazie di aver pubblicato questa poesia di Giuseppe Maria Lotano. Giuseppe è un poeta capace di farci immergere nella bellezza della parola e dell'interiorità. Ci permette di viaggiare con lui e di assaporare quella bellezza di cui si fa interprete.
    Dio benedica Giuseppe e tutti i poeti cantori della vita.
    don Francesco Botta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buona navigazione.
      Giuseppe Maria Lotano

      Elimina
  38. La nostra vita è un viaggio, una ricerca per l’anima di non avere radici, di andare avanti, per inseguire la felicità’. Salpare è una scelta coraggiosa . Una gioia per dare valore alla libertà.
    Milena Nigro.

    RispondiElimina
  39. Leggendo la poesia "Salpare" ho rivissuto le mie emozioni di quando giovanissima per lavoro emigrai all'estero. Trovai in me ogni forza per "SALPARE" e tanto coraggio misurando tutte le energie su cui contare per affrontare la vita in tutte le sue novità e imprevisti di percorso anche se per la giovane età non sempre con dovuta consapevolezza. "SALPARE" divenne l'inizio di una interessante avventura ed esperienza di vita e penso che l'invito della poesia sia molto concreto e da sperimentare.
    Carmela Errico

    RispondiElimina

  40. In questo periodo così insolito e così difficile, la poesia “Salpare” è un invito a vivere la vita.
    Trovare il lato positivo, lasciarsi trasportare (proprio come una nave) dalle emozioni e non arrendersi.
    Entrare in questo vortice di sentimenti contrastanti e lasciarsi avvolgere dalla meraviglia di questi versi.
    I miei complimenti all’autore Giuseppe Maria, mio compaesano.

    Teresa Muro

    RispondiElimina
  41. Più scorro la tua poesia che inizia irruenta a mò di scossoni e a finire dolcemente nel “muovere e salpare”, che mi ritrovo in quel profondo “scrivere silenzi divenuti realtà” in questa fase della mia esistenza.
    La magia della grande poesia è tua caro amico, grazie e bravissimo, come sempre mai banale.
    Benedetto Ercolani

    RispondiElimina
  42. Leggendo e rileggendo le tue poesie, caro Giuseppe Maria, mi rendi davvero orgogliosa di essere Lucana, come te. Nel soffermarmi a (nel) leggere la poesia "Salpare", percepisco un invito ad un viaggio interiore dell'anima, ad assaporare la bellezza della vita e delle cose immateriali. Ora con entusiasmo idealmente mi accingo ad affrontare nuovi traguardi e gioie della vita in una beata e intensa solitudine ricca di sensazioni uniche. Grazie per l’emozione che mi hai suscitato e regalato.
    Annamaria Palladino.

    RispondiElimina