venerdì 27 novembre 2020

FRANCESCA LUZZIO LEGGE "IL SENSO DELLA VITA" DI WANDA LOMBARDI

 


Wanda Lombardi

IL SENSO DELLA VITA

Guido Miano Editore, 2019 

Recensione di Francesca Luzzio



Il senso della vita è insieme una nuova silloge ed un’antologia che racchiude in sé liriche tratte dalle precedenti opere dell’autrice. Al di là dell’eterogeneità strutturale, tuttavia è presente un’unità tematica che sicuramente si può racchiudere nel sintagma “Il senso della vita” che, non a caso, è anche il titolo della raccolta. Non solum, sed etiam in questo titolo l’autrice non racchiude solo il senso della sua vita, ma della vita in genere, estendendo le sue riflessioni poetiche alla società, al mondo, all’ontologico, infatti l’invocazione a Dio per il suo intervento nelle miserie umane è costantemente presente. Così al bimbo che muore in guerra può dire che “…\ Altri colori troverai \ oltre la vita,\ quelli dell’amore, della gioia \ che eterni illumineranno \ il tuo volto, il sorriso” (Altri colori, pag.19), o ancora a Dio chiedere “… \ La tua invisibile mano \ mi sorregga, mi conforti,\ con amore mi accompagni \ alla Tua fulgida dimora” (Soffio divino, pag 46) e, infine, nel suggerire all’uomo il perché dell’esistenza afferma che “…\ Vivere nella felicità di ben operare \ è vivere con Dio” (Saper vivere, pag.59).

La fede nel Signore è ciò che le permette anche di sopportare la solitudine nel silenzio della propria casa, ammirando la natura, immergendosi nei ricordi, talvolta amari, come quelli destati da ninnoli, oggetti regalati da persone una volta amiche, ma che ormai non si fanno più sentire, né vedere e ciò la induce a considerare l’indifferenza che oggi pervade la società: ormai i valori di una volta non esistono più, ormai s’inneggia al futile e i giovani, privi di valori, trovano nella droga lo sfogo, il raggiungimento di effimere illusioni.

Nel flusso memoriale che come in Marcel Proust, la solitudine le sollecita non mancano anche i ricordi belli, come quelli dei giochi infantili, quando andava a giocare sulla strada antica, in quella via Capozzi, ormai messa nell’oblio “da un’umanità cambiata” (Strada antica, pag.27). Come si può costatare da quanto suddetto, non solo ricordi, ma anche pensieri e riflessioni riempiono la vitalità mentale della poetessa e tra questi, rilevanti sono sicuramente le considerazioni sulla donna, che, incarnazione della bellezza, viene elogiata nelle sue poliedriche attività, commiserata quando è vittima di violenze, ma anche detestata nella viltà che l’avvilisce quando uccide un indifeso suo figlio neonato.

Dunque Wanda Lombardi legge in sé e legge nel mondo e non può non considerare in questo processo espansivo del suo sentire, il pianeta terra, ormai inquinato in ogni sua parte “in nome di un progresso \ duro d’accettare” (Terra malata, pag.47). E in questa molteplicità di spesso tristi considerazioni, sia in ambito esistenziale che sociale, la poesia è ancora di salvezza e compagni del suo futuro saranno “…\ un libro, un foglio, una consunta matita” (Perduti affetti, pag.43). A buon diritto la poesia di Wanda è inseribile nella collana “Poesia elegiaca”, infatti, come anche l’etimologia del termine suggerisce, i versi di Wanda sono uno sfogo intimo, autobiografico che, tuttavia non parla solo dell’io, ma anche del modo in cui la realtà esterna si ripercuote in lei. Così esistenziale e sociale coesistono e la poesia di Wanda diventa spesso denuncia; la duplicità tematica caratterizza anche gli Haiku che non a caso, sono suddivisi in due parti: “L’amore”, e “Il sociale”. Essi concludono l’antologia, le cui poesie, a prescindere dalla silloge da cui sono tratte, rivelano tutte la stessa omogeneità e maturità stilistica che è presente in quelle iniziali, pubblicate per la prima volta, infatti esse pur non rispondendo a forme metriche particolati, nella loro libertà espressiva non mancano di musicalità, attribuibile non solo al ritmo dei versi, ma anche alle frequenti assonanze: “…pesanti…\...\...\...\...disperati” (I mali del mondo, pag.16), consonanze: “…neri \ … invocare” (idem) o rime: “… pensare \ ... andare”, (idem), talvolta anche tra versi lontani fra loro. Per concludere, non può non rilevarsi che la presenza di alcune figure retoriche, quali le frequenti anafore, metonimie, etc… rendono ulteriormente pregnante e profondo la valenza semantica dei testi.

 Francesca Luzzio

 

 

Wanda Lombardi, Il senso della vita. Pref. di Nazario Pardini. Guido Miano Editore, Milano 2019, pp. 80, € 16,00.

 

Nessun commento:

Posta un commento